ROMA (ITALPRESS) – Il Quirinale “fa storia a sè”. Così Matteo Renzi, leader di Italia Viva, in un’intervista al quotidiano La Repubblica spiega di non concordare con il premier Mario Draghi, che nella conferenza stampa di fine anno aveva chiesto alla maggioranza di non dividersi sull’elezione del capo dello Stato.
Draghi ha detto anche che indipendentemente da chi sarà a palazzo Chigi, il governo ha creato le condizioni per andare avanti sia sul Covid che sul Pnrr, e Renzi vede in queste parole “il segno di una svolta compiuta. Un anno fa eravamo in crisi con Conte a fare le dirette Facebook di Casalino e Arcuri a disegnare primule. Con coraggio abbiamo aperto una crisi di governo difficile da spiegare allora, ma facile da capire oggi visti i risultati. Nelle parole del premier ho sentito l’orgoglio perchè viviamo in un mondo totalmente diverso da quello di dodici mesi fa. Ne valeva la pena”.
Tornando all’argomento Colle, l’ex premier ricorda: “Nel 2015 scegliemmo Mattarella e non tutta la maggioranza di Governo fu d’accordo: alcuni partiti erano scettici o contrari. Oggi possiamo dire che aver individuato Sergio Mattarella è stato un bene per l’Italia. Ma sette anni fa lamaggioranza parlamentare fu diversa dalla maggioranza presidenziale: il Quirinale fa sempre storia a sè”.
Ai partiti “suggerisco di abbassare i toni, riporre il pallottolier e e godersi il Natale – prosegue Renzi -. Questa discussione va ripresa il 10gennaio, non prima. Io penso che Draghi sarebbe un ottimo Presidente della Repubblica come penso che sia un ottimo premier. Inserirlo nel calderone dei nomi oggi serve solo a gettare fumogeni. Fino al 24 gennaio lasciamo che Draghi si occupi di terza dose, di Pnrr, di ripresa economica.
Poi tutti insieme sceglieremo l’inquilino migliore per il Colle.
Parlarne oggi è come discutere dello scudetto ad agosto. Io non partecipo al fantamercato, mi concentro sulle vere priorità”.
(ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti