TAORMINA – Lo avevamo scritto in tempi non sospetti, già un mese fa, che l’hub vaccinale anti-Covid a Villagonia era (ed è) inadeguato. In un primo momento sembrava un “capriccio” taorminese la bocciatura immediata di una struttura – quella in via Crocefisso – che non dispone di spazi sufficienti per le vaccinazioni. Ma i fatti sono sempre più ostinati dei teoremi di Pitagora e a Taormina e non è rimasto altro da fare che prendere atto dei disagi dell’utenza. Ad ottobre si è passati dal troppo grande Lumbi (dove si poteva ridurre lo spazio adibito per le vaccinazioni e rimanere, comunque, in quegli stessi locali) al troppo piccolo locale a Villagonia, che un tempo era sede dell’Aias e sin da subito era parso evidentemente non idoneo a questo servizio.

E allora, sipario sul centro vaccinale a Villagonia e quindi anche sulle vaccinazioni a Taormina, dove rimarrà invece attivo (e sarà potenziato) il punto presso la delegazione comunale di Trappitello. L’hub a Villagonia chiuderà nei prossimi giorni, la nuova sede sarà a Letojanni, al Palazzo dei Congressi in piazza Cagli. L’autorità sanitaria ha già effettuato un sopralluogo all’auditorium di Letojanni e l’Ufficio commissariale ha richiesto al Comune il comodato d’uso gratuito dei locali in questione (al primo piano). L’Amministrazione di Letojanni, guidata dal sindaco Alessandro Costa, non ha perso tempo e si è attivata subito per mettere a disposizione l’edificio, dando il proprio placet all’utilizzo del Palacongressi come hub sino almeno al 30 giugno 2022.

© Riproduzione Riservata

Commenti