FIRENZE (ITALPRESS) – La Fiorentina batte 2-1 il Benevento e si qualifica per gli ottavi di finale di Coppa Italia dove incontrerà, a inizio gennaio 2022, il Napoli. Una prova non del tutto convincente quella dei toscani che hanno prodotto alcune fiammate in mezzo a lunghe fasi di riposo, con tanti elementi scesi in campo da considerarsi seconde linee, ma con alcuni di loro che hanno sfruttato l’occasione come Riccardo Sottil e Maleh. Il Benevento viene sconfitto ed eliminato ma la formazione allenata da Fabio Caserta si porta a casa più note positive che negative. La Fiorentina passa in vantaggio al 19′ in una delle rarissime azioni pericolose della prima frazione: angolo da destra di Sottil, Igor fa sponda di testa per Milenkovic che insacca alle spalle dell’ex Niccolò Manfredini. Il protagonista del resto dei primi 45′ è il collega dell’estremo difensore campano, ovvero Rosati, che compie almeno due eccellenti parate: prima su Acampora servito da un cross di Elia da destra al 25′, poi su Glick dopo calcio angolo al 37′. Italiano ha presentato dal 1′, per la prima volta da quando veste la maglia gigliata, Kokorin come punta centrale, ma la prestazione del russo è stato più che deludente, basti vedere la rete sbagliata tutto solo davanti a Manfredini su assist di tacco di Benassi.
La Fiorentina raddoppia a inizio ripresa grazie alla rete di Riccardo Sottil che, servito da un assist da destra di Benassi, sfrutta una ribattuta di Niccolò Manfredini dopo una prima conclusione. Gli ospiti poco dopo fanno 2-1 con Moncini su pregevole cross da destra di Sau. Serve un intervento in tuffo di Rosati, migliore in campo, su Calò per evitare la beffa del 2-2 ai viola. A 15′ dalla fine, col risultato ancora in bilico, dentro Vlahovic per Kokorin fischiato all’uscita dal campo dai 18 mila spettatori presenti al ‘Franchì. A 8’ dalla fine Lapadula realizza il 2-2 ma per fortuna della Fiorentina il guardalinee Sechi segnala il fuorigioco. I viola arrivano con qualche affanno al triplice fischio, con tanto di nuovo infortunio per Pulgar. Italiano può esultare per il passaggio del turno, non per la prestazione dei suoi, discorso inverso per il Benevento, ottimo in campo ma sconfitto ed eliminato.
(ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti