CASTELMOLA – In occasione della giornata Internazionale contro la violenza delle donne, i motociclisti del Motoclub Centauromenium – Città di Taormina si sono mobilitati per dire no alla violenza sulle donne. Il Motoclub si è radunato a Castelmola, dove la centralissima piazza Sant’Antonio è stata addobbata con dei palloncini rossi per sensibilizzare su quella che è ormai diventata una vera e propria emergenza.

Nell’occasione c’è stato l’arrivo della moto-staffetta che portava una bandiera partita dal Belgio dove il sindaco di Liegi ha sottoscritto l’impegno a fare di più in questa importante battaglia sociale. La bandiera ha continuato a fare il giro d’Europa fino ad arrivare a Castelmola. Il viaggio si concluderà a Milano in occasione dell’Eicma, la fiera dedicata alla motocicletta dove alcuni personaggi famosi sottoscriveranno lo stesso impegno per dire no alla violenza contro le donne.

Il Motoclub Centauromenium con i loro palloncini rossi si è mosso per segnalare che la violenza sulle donne non smette di essere un’autentica emergenza. In tutta Italia, compresa la Sicilia dove, nel 2021 il Centri Anti Violenza hanno ricevuto tante richieste di aiuto da donne, molti di loro sono state assistite e alcune sono state collocate in protezione.

“In questa battaglia di civiltà anche i simboli sono importanti per sensibilizzare su un tema che continua ad essere in prima pagina nella cronaca nazionale, che non risparmia neppure la nostra Sicilia e che la pandemia ha fortemente aggravato. La violenza sulle donne infatti non è solo è fisica, ci sono altre forme più subdole, come quella psicologica, che si manifesta come smania di possesso e di controllo ma anche quella economica che impedisce la piena autonomia delle donne”, evidenzia il presidente Salvatore Di Maria. “La violenza sulla donna è una questione culturale e di mentalità poiché fonda le sue radici nella cultura sessista e negli stereotipi, veicolati anche dai media, che vedono la donna relegata a un ruolo subalterno e ancora troppo spesso ridotta a puro oggetto del desiderio”.

“Per combattere ogni violenza di genere è quindi necessario promuovere costantemente la cultura del rispetto e di una vera parità fra uomo e donna, intraprendere una strada concreta per superare la visione stereotipata dei ruoli uomo-donna, contrastando le ideologie integraliste che impediscono di sensibilizzare i giovani nelle scuole contro il sessismo, l’omofobia, il razzismo. – prosegue il presidente – Occorre la sensibilizzazione di tutti, donne uomini, ragazze e ragazzi, perché solo la consapevolezza del problema può diventare leva e spinta di cambiamento. Noi motociclisti strana ma meravigliosa gente lo facciamo con la libertà di una motocicletta dove ti da vita e coraggio nell’affrontare dei problemi”… mai come oggi c’è bisogno di noi. Ringrazio molto il sindaco di Castelmola anche se era assente per motivi istituzionali ci è stato di supporto ringrazio anche Massimiliano Pizzolo per averci sostenuto con la sua presenza a Castelmola. Si ringraziano anche i Motoclub; Focei di Marina di Ascea, I Cavalieri di Gioiosa Jonica, Motoclub Praia a Mare, I Bikers Solitari di Lamezia Terme, Bikers Pirates di Messina, Motoclub Vespa Ottaviano, Zio Gustavo di Roma ; Motoclub Les 4 & Co. Dal Belgio”.

© Riproduzione Riservata

Commenti