TAORMINA – Avranno 60 giorni di tempo per farsi avanti e rivendicare il pagamento delle somme a loro spettanti da parte del Comune di Taormina. I creditori di Palazzo dei Giurati sono stati ufficialmente chiamati a farsi avanti dalla commissione liquidatoria che si è insediata al municipio di Taormina a seguito del dissesto dichiarato dall’ente il 22 luglio scorso. Si prevede una corposa presentazione di richieste all’ente, che sarà chiamato a fare fronte ad una massa debitoria di circa 20 milioni di euro. La commissione liquidatoria ha avviato la ricognizione dei debiti contratti dal Comune sino al 31 dicembre 2020 e si prepara anche a mettere mano all’altrettanto spinoso fronte dei crediti, dove si registrano la cifra record di circa 30 milioni di euro di tributi non riscossi nel corso degli anni.

© Riproduzione Riservata

Commenti