TAORMINA – Mercato immobiliare in fermento a Taormina e la bassa stagione diventa il momento cruciale per diverse trattative riguardanti soprattutto il settore alberghiero. Una Spa con sede a Roma sta sondando, infatti, la possibilità di fare “shopping” nella capitale del turismo siciliano nel contesto più ampio di un piano di investimenti da oltre 200 milioni in atto nelle aree strategiche del turismo in Italia.

Sono state avviate le prime intermediazioni che riguardano la possibilità di un’operazione nel territorio siciliano a cura di una società che sviluppa e gestisce asset nel settore dell’hospitality di lusso e del lifest, intenzionata da qui al 2027 ad arricchire il proprio portfolio nelle zone del Lazio, Veneto, Toscano e al Sud.

Tra nuovi capitali, flussi e valorizzazioni l’obiettivo della società romana è quella di arrivare nel quinquennio alle porte di investire in equity circa 230 milioni, dando vita a un asset italiano di rilievo dell’hospitality in grado di competere con i grandi brand internazionali, che entrano in Italia con il sostegno di fondi esteri.

© Riproduzione Riservata

Commenti