ROMA (ITALPRESS) – “Per sposare la transizione digitale ci vuole un approccio verso la sostenibilità che parte da lontano”. Lo dice Paolo Tedeschi, direttore Comunicazione e Marketing di Canon Italia, in un’intervista all’Italpress.
“Noi da oltre trent’anni – ha continuato – produciamo circa l’80% non solo delle nostre cartucce, che sono arrivate quasi al 100%, ma tutte le componenti della nostra tecnologia, tenuto conto che siamo un ecosistema. Dietro tutto quello che riguarda l’immagine c’è Canon”, ha sottolineato. Per Tedeschi, quindi, “l’approccio” deve essere “coerente non solo come brand e azienda ma anche come divisione ricerca e sviluppo, e soprattutto come colleghi e Canon people presenti su tutto il territorio”.
“L’8% del nostro fatturato – ha evidenziato – è messo ogni anno nel mondo della ricerca e dello sviluppo. Non ci può essere innovazione tecnologica senza risorse adeguate, e non ci può essere innovazione senza sostenibilità: è un approccio strategico”.
Il direttore comunicazione e marketing di Canon Italia ha anche parlato della crescita dell’uso di telecamere su smartphone. “Dovremmo temere solo la mancanza di passione delle persone verso la fotografia”, ha detto. “Non si può temere – ha poi precisato – un competitor tecnologico: ci si può orientare, si può comprendere dove sta andando il mercato e agire di conseguenza. Noi vogliamo insistere dove esiste un’immagine. Non parliamo solo di fotografia, che resta una parte importante dove tutto è nato e continueremo a investire. Gli ultimi lanci che abbiamo fatto – ha spiegato – vanno proprio in quella direzione: parliamo di professionisti, famiglie, home entertainment e tanti prodotti che vanno a completare il corredo di ognuno di noi”.
Oggi si parla anche di “metaverso”, una sorta di realtà virtuale condivisa tramite internet, dove si è rappresentati in tre dimensioni attraverso il proprio avatar. “Si annuncia che stiamo andando in quella direzione, si annunciano miliardi di investimenti – ha affermato – ma sappiamo benissimo che dobbiamo pensare a un’infrastruttura, ai contenuti verso i quali si andrà ma soprattutto a creare un ecosistema per il metaverso. Per quanto riguarda il mondo Canon, l’ecosistema lo abbiamo. In tutto quello in cui saremo proiettati – ha continuato – ci sono pezzi che riguardano intelligenza artificiale e realtà virtuale. In quest’ottica stiamo procedendo verso il mondo dei professionisti con un obiettivo a doppio visore che si innesta facilmente su una mirrorless R5, che consente di riprodurre fedelmente con entrambi i visori verso l’unico visore della macchina fotografica e di rendere il file pronto per farlo diventare, in post produzione, realtà virtuale a 180 gradi. Ci rivolgiamo – ha spiegato – a un mondo di professionisti del settore ma soprattutto ai giovani videomaker che vogliono dare il loro contributo creativo”.
(ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti