ROMA (ITALPRESS) – Le assunzioni attivate dai datori di lavoro privati fino ad agosto sono state 4.535.000, con un aumento rispetto allo stesso periodo del 2020 (+19%) dovuto alla crescita progressiva iniziata a marzo. L’aumento, secondo i dati dell’Inps, ha riguardato tutte le tipologie contrattual. Le cessazioni fino ad agosto sono state in complesso 3.534.000, in aumento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+4%).
Il saldo annualizzato è stato condizionato nel 2020 dalle conseguenze dell’emergenza sanitaria: ha presentato un andamento negativo fino a settembre, un lieve recupero nei mesi di ottobre e novembre, ritornando poi negativo nei mesi invernali – contestualmente alla seconda ondata della pandemia – fino a febbraio 2021. Da marzo si ha il ritorno alla crescita, rafforzatasi fino a giugno 2021, quando si è registrata una crescita di 691.000 posizioni di lavoro; nei mesi successivi tale crescita si è attenuata attestandosi nel mese di agosto comunque su valori elevati (+585.000), con un saldo positivo in tutte le tipologie contrattuali. In particolare, per il tempo indeterminato la variazione positiva risulta pari a 166.000 unità mentre tutte le altre tipologie contrattuali evidenziano una variazione complessiva pari a quasi 419.000 unità. Se si confronta la situazione di agosto 2021 con quella di agosto 2019, si registra un saldo decisamente positivo per i rapporti di lavoro a tempo indeterminato (+380.000): si sommano infatti risultati positivi sia nella prima che nella seconda annualità considerata; per l’insieme degli altri contratti, solo grazie al forte recupero degli ultimi mesi si registra, rispetto ad agosto 2019, una variazione positiva (+114.000), solo per i rapporti di lavoro a tempo determinato si registra tra agosto 2021 e agosto 2019 una variazione negativa (-28.000).
(ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti