MILANO (ITALPRESS) – La transizione del private capital verso la sostenibilità è stato uno dei temi affrontati durante la sesta edizione del Salone SRI che si è tenuta a Palazzo delle Stelline a Milano. Durante l’evento, organizzato da ETicaNews, che si rivolge a investitori istituzionali e al dettaglio, consulenti finanziari, private banker, family officer e distributori, è stato illustrato uno studio di Aifi, associazione italiana del Private Equity, Venture Capital e Private Debt che ha offerto uno spaccato del percorso del private equity verso l’adozione di criteri ESG, ovvero di responsabilità ambientale, sociale e di governance. La presentazione è stata seguita da un dibattito cui hanno partecipato Giampaolo Giannelli, VP, Global Client Group, Italy di Nuveen e Davide Elli, Responsabile Investimenti Alternativi e Multimanager Fideuram AM SGR.
La ricerca ha coinvolto altre associazioni europee, in Italia Aifi ha sentito 42 operatori. In base ai dati resi noti da Barbara Passoni, coordinatore tavolo di lavoro ESG di Aifi, l’82% degli operatori ha adottato o adotterà nei prossimi mesi una policy ESG e, ha detto Passoni “ciò significa rendere pubblico un impegno”.
Il 64% ha aderito ai Principle of Responsible Investment delle Nazioni Unite. Il 56% degli operatori raccoglie dati sull’implementazione dei temi ESG nelle società su cui investe e le aziende vengono poi monitorate. “Il tema della sostenibilità – ha precisato Passoni – viene seguito anche in fase di exit, si rende cioè conto di quanto l’azienda ha fatto da quando l’operatore è entrato in azienda”.
Alla tavola rotonda seguita alla presentazione dei dati, Davide Elli di Fideuram AM SGR ha detto che “nel contesto di una sempre maggior attenzione verso gli obiettivi ambientali e sociali, l’investitore, con le sue scelte, può accompagnare attivamente le imprese verso il cambiamento. Oltre ai mercati quotati, i private market possono svolgere un ruolo importante per una crescita economica sostenibile di lungo termine. Il mercato del private equity, in particolare, attraverso le partecipazioni nelle società, ha gli strumenti per includere i fattori ESG nelle decisioni di investimento e nella gestione dell’impresa”.
“L’approccio del private equity alla sostenibilità si è evoluto nel tempo; oggi l’offerta si sviluppa sui fondi dedicati ai cosiddetti investimenti impact, che hanno un forte legame con gli obiettivi SDG delle Nazioni Unite. Le opportunità di investimento – ha continuato Elli – che vediamo crescere in maniera molto sensibile, interessanti da un punto di vista di ritorno per gli investitori, ma anche per tutti gli altri stakeholder, riguardano settori come benessere e salute in termini di impatti sociali, e settori come l’efficienza energetica, le rinnovabili e l’economia circolare in termini ambientali. In Fideuram AM SGR abbiamo avviato, già da tempo, un percorso di sostenibilità all’interno della nostra offerta. Sui mercati privati, in particolare, questa value proposition è una colonna portante dei processi di investimento dei prodotti, sia per gli impatti ambientali e sociali sia per le interessanti opportunità di investimento per la nostra clientela”.
(ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti