BARCELLONA (SPAGNA) (ITALPRESS) – L’annuncio tanto atteso è arrivato nella notte: Xavi Hernandez è il nuovo allenatore del Barcellona. Dopo l’uscita sul fronte Al Sadd che parlava di clausola pagata e la smentita blaugrana, nella notte ecco arrivare l’ufficialità del ritorno del 41enne Xavi al Camp Nou, stavolta in veste di allenatore, dove sostituirà l’esonerato Koeman dopo la parentesi Sergi. Nel comunicare l’ingaggio di Xavi – contratto fino al 2024, presentazione fissata per lunedì – il Barcellona precisa che è stato lo stesso tecnico a trovare un accordo con l’Al Sadd per liberarsi, quasi a voler sottolineare che non c’è stato alcun pagamento di clausola.
Ad ogni modo Xavi torna a ‘casà: entrato nel 1991 nel settore giovanile, ha speso 24 anni in blaugrana, 17 dei quali in prima squadra per un totale di 767 presenze (solo Messi ha fatto meglio con 778) e 25 trofei. Nel 2015 l’addio per andare a chiudere la carriera in Qatar, all’Al Sadd, di cui nel 2019 è diventato l’allenatore, conquistando sette trofei, di cui tre nel 2021. “Lavoreremo al massimo, il Barcellona è il miglior club del mondo e il miglior club del mondo deve vincere, non può nè pareggiare nè perdere – le prime parole di Xavi al rientro nella Ciudad Condal – Ci sarà da lavorare molto con l’obiettivo chiaro di vincere. Ma sono molto positivo”. Quella di allenare il Barcellona “è la sfida più grande della mia carriera e sono molto grato al club per la fiducia. Arrivo con tanto entusiasmo”.
(ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti