E’ una lenta e inquietante marcia di avvicinamento verso la Sicilia quella che sta compiendo l’Uragano Medicane. Il maltempo che ha interessato la Sicilia Orientale a seguito di un vortice ciclonico, stando alle previsioni Meteo, minaccia di abbattersi ancora una volta sull’isola già nelle prossime ore – nella giornata di giovedì e soprattutto venerdì – sotto forma di Medicane, un fenomeno estremo che solitamente ha interessato altre zone del pianeta e determinato pesanti conseguenze.

E’ massima allerta nella Sicilia Orientale, già colpita dal nubifragio che ha colpito Catania causando la morte di almeno due persone. Le temperature registrate nel Canale tra lo Ionio e il Mar Libico nelle ultime ore sono più alte rispetto alla media di circa 8 gradi. Il fenomeno alle porte, secondo gli esperti, porterà alla formazione di una struttura ciclonica di particolare valenza che, tra giovedì 28 ottobre e venerdì 29, potrebbe trasformarsi in un ciclone extra tropicale. I suoi effetti potrebbero essere simili a quelli di un uragano vero e aggraverebbero la, già critica, situazione che si è verificata in particolare nella zona di Catania.

Secondo le previsioni l’uragano – ribattezzato Medicane (Mediterranean hurricane) – sarà di categoria 1: i venti potranno sfiorare i 120 chilometri orari vicino alle coste della Sicilia orientale e della Calabria. “Attenzione particolare al Catanese, al Siracusano, al Ragusano, al Messinese ionico e la Calabria Ionica – dicono i meteorologi – C’è il rischio di piogge alluvionali“. Il tutto accompagnato da venti burrascosi, raffiche di oltre 90-100 chilometri orari sullo Ionio e mareggiate, con onde alte fino a 5 metri sui litorali più esposti. Gia da questo momento si raccomanda, dunque a tutti i cittadini nelle giornate di giovedì e venerdì di rimanere a casa, uscire solo in caso di stretta necessità ma tenendo conto al contempo delle condizioni Meteo, e di comportarsi con la massima prudenza.

© Riproduzione Riservata

Commenti