NAPOLI (ITALPRESS) – Scendere in campo conoscendo i risultati delle dirette rivali è “uno stimolo in più, non una pressione superiore. Se stiamo facendo bene o male non ce lo devono dire i risultati degli avversari ma le nostre prestazioni. Dobbiamo fare la corsa su noi stessi, non ci deve interessare se gli altri hanno vinto o meno”. Luciano Spalletti invita il Napoli a guardare avanti. Domani gli azzurri scenderanno in campo al “Maradona” contro il Bologna, già sapendo che dovranno vincere se vorranno tenere il passo del Milan. “Ma bisogna cercare di vincere per dare continuità, per dare un senso al nostro campionato – commenta il tecnico di Certaldo – Non sarà facile perchè davanti troviamo una squadra con il ghigno, perchè il suo allenatore è fatto così, in cui ha messo mano Walter Sabatini e che contro il Milan è riuscita a risalire fino al 2-2 in inferiorità numerica. Un’altra squadra, sotto di due gol e in dieci, avrebbe smesso di lottare. Dovremo mettere dentro tutte le nostre qualità per venire a capo di questa partita. Insigne? Sta bene, non ha dato sintomi di nessun genere. In questa settimana ha rifatto vedere le sue giocate, il suo marchio di fabbrica”. Spalletti sarà assente per squalifica dopo l’espulsione rimediata in Roma-Napoli. Da Gasperini e Mihajlovic è partito l’invito agli arbitri a un maggiore dialogo. “Non so se ci vorrà un ulteriore confronto con gli arbitri, a inizio stagione ho detto che lamentarsi è da sfigati e così anche per le decisioni degli arbitri che possono sembrare sfavorevoli. Dobbiamo trasformare ogni evento possibile in uno stimolo. In merito all’espulsione di domenica, non sono stato nè ironico nè irrispettoso, ho cercato solo di dire quello che volevo. Vorrà dire che dovrò stare più attento nei miei modi di dire le cose, cercherò di essere più chiaro in quello che voglio dire al direttore di gara. La Var a chiamata? Potrebbe essere interessante ma le società dovrebbero organizzarsi e avere un professionista che si occupa di quello, un ex arbitro, un ex guardalinee dentro le società che si prende la responsabilità di usare quella chiamata, oltre a una telecamera sempre sulla palla che gli consenta di seguire tutto”, aggiunge Spalletti.
(ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti