ROMA (ITALPRESS) – “I Friedkin hanno ereditato tanti errori fatti dagli altri, così come Tiago Pinto. La proprietà ha speso tanto per rimediare a quegli errori, e c’è gente che ride con le tasche piene. Tanti milioni sono stati spesi e abbiamo dovuto spenderne altri per creare le condizioni per il successo del progetto”. E’ lo sfogo di Josè Mourinho nella conferenza stampa della vigilia di Roma-Napoli ma il tecnico torna inevitabilmente sulla sconfitta per 6-1 contro il Bodo/Glimt. L’allenatore portoghese difende la proprietà: “Qualcuno scrive che non sono contento ma sono bugie. Mourinho, come tutti gli altri allenatori, vuole più giocatori, vuole una rosa di livello più alto. Ma Mourinho non è uno stronzo. Mourinho ha grande rispetto dei Friedkin e di Tiago Pinto”, ha aggiunto. “Stiamo facendo un campionato positivo, con prestazioni migliori dei risultati – ha proseguito lo Special One – Abbiamo 15 punti ma ne meritavamo di più. Non penso alla svolta, penso a vincere. La partita è difficile, loro le hanno vinte tutte e stanno bene. Zaniolo e Karsdorp? Stanno bene. Gioca la squadra vista con la Juventus”. “Per me una vittoria per 6-1 col Napoli non cancellerebbe nulla, non cancella i miei errori contro il Bodo/Glimt. La prossima volta col Bodo infatti giocherà la squadra di sempre. Qui lavoriamo tanto, ma abbiamo ereditato una cicatrice emozionale di un record di infortuni che in vita mia non ho mai visto – ha concluso Mou – Ho parlato di San Pietro, scherzando ma non troppo. Faccio un esempio: se Chiellini è infortunato nella Juve, gioca De Ligt. Se Alex Sandro è stanco, gioca De Sciglio. La nostra squadra ha alcune soluzioni di livello in alcune zone, ma in altre no, non c’è da nasconderlo”.
(ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti