ROMA (ITALPRESS) – “Cultura 2026 | Competitività, digitalizzazione, innovazione”: con questo titolo si terrà LuBeC, Lucca Beni Culturali, l’incontro internazionale dedicato alla crescita della filiera produttiva che si sviluppa tra cultura e innovazione, il 7 e 8 ottobre prossimi a Lucca. Questa XVII edizione prevede una grande mostra interattiva sulle applicazioni dell’immersività alla cultura, e un intenso programma di confronti, laboratori, dibattiti e appuntamenti dedicati all’incontro tra pubblico e privato. Si svolgerà negli ampi spazi del Real Collegio, in presenza, con un palinsesto online a copertura dell’iniziativa, indispensabile oggi per permettere a tutti gli operatori di partecipare, per capire come gestire le sfide che abbiamo davanti.
LuBeC 2021 intende cogliere lo sforzo programmatico del Piano nazionale di ripresa e resilienza, facendosi interprete per l’ambito culturale e puntando il focus sui temi della progettazione e sullo studio delle azioni pilota, che verranno attuate integrando il Pnrr cultura – 5,7 miliardi – con altre misure del Piano, nazionali e europee. Rispetto al Pnrr obiettivo primario dell’iniziativa sarà far emergere le modalità di attuazione, le connessioni interistituzionali e pubblico-privato, per la messa a terra dei progetti che devono dare attuazione alla ripresa.
Il convegno di apertura “Cultura driver per il cambiamento: sfide, opportunità e attori”, sarà introdotto e moderato da Gaetano Scognamiglio (nella foto), presidente di Promo PA, la Fondazione che promuove e organizza LuBeC. Amministratori, dirigenti, imprenditori e rappresentanti del mondo pubblico e privato, contribuiranno ad approfondire le sfide principali, le opportunità e le azioni.
“Competitività, innovazione e digitalizzazione sono concetti cardine della Missione 1 del Pnrr, che considera la valorizzazione dell’asset cultura tra i fattori di prima linea per il rilancio del Paese – osserva Scognamiglio – In questa prospettiva si colloca l’edizione di Lubec 2021 che ospiterà i protagonisti del grande processo di innovazione collegato al Pnrr, per fornire gli strumenti ai soggetti pubblici e privati per accedere ai progetti del settore culturale e facilitarne la gestione”.
Digitalizzazione e sostenibilità, formazione e competitività, welfare culturale e internazionalizzazione, inclusione e nuove dimensioni di residenzialità. Sono le principali tematiche trasversali che saranno declinate tra workshop, laboratori, seminari formativi, incontri business to business, interviste e convegni, durante la rassegna curata e diretta come sempre da Francesca Velani (iscrizioni su www.lubec.it).
In questo anno strategico dal punto di vista degli investimenti, due saranno i grandi focus sul digitale: il primo, e strategico per l’organizzazione e la gestione dei dati a tutti i livelli, sarà in collaborazione con Digital Library e Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali, che intende far emergere le linee di indirizzo da adottare per impostare il processo di transizione al digitale del patrimonio culturale: policy e regole, open data e riuso delle immagini, strumenti, competenze e metodologie.
Il secondo focus IMMERSIVA, vedrà una grande mostra esperienziale svilupparsi in un braccio del Real Collegio, insieme al primo Summit internazionale sull’Immersività, organizzato con il supporto di BARCO, Immersiva Livorno Srl e Bright Festival, con ospiti internazionali che approfondiranno cosa sia l’immersività oggi, ovvero uno strumento per amplificare e modulare l’impatto del messaggio culturale, ma anche una vera e propria espressione artistica – con un autonomo linguaggio, una propria estetica e un gruppo di grandi interpreti.
“In questo 2021 di grandi trasformazioni comprendere le opportunità legate a questo tipo di tecnologie e conoscerne linguaggio e strumenti, rappresenta uno snodo fondamentale per gettare fondamenta solide per il futuro ed è determinate per il lavoro dei giovani e per la competitività – afferma Francesca Velani – Lo è per l’inclusione, per raggiungere i tanti pubblici di cui è fatto il mondo, per dare forma e sostanza a quel diritto alla cultura, che ne pretende un accesso ampio e democratico, che noi dobbiamo mettere in campo per generare una società migliore, più sostenibile, più forte.” E proprio sul tema della cultura come determinate del benessere della società si svolgerà uno dei panel di confronto, che vede coinvolte quattro regioni – Toscana, Marche, Emilia Romagna e Piemonte – nel definire policies comuni per l’alleanza tra cultura e salute. Un tema sul quale saranno presentati i risultati di un confronto tra due mappature svolte da Promo PA Fondazione nelle Marche e in Emilia Romagna, sullo stato dell’arte delle collaborazioni in essere tra questi due sistemi che oggi stanno, anche in Italia, cercando modalità di incontro sempre più strette.
Tornerà il tema dedicato ai borghi, filone avviato nella precedente edizione. Venerdì 8 (ore 9.30), OREP – Osservatorio del Recovery Plan Università Tor Vergata e Promo PA Fondazione terranno un focus su “Il PNRR per le città e i borghi”, discutendo modelli di monitoraggio, valutazione, progettazione culturale e finanziaria degli interventi. Altri focus saranno dedicati alle imprese creative, alla digitalizzazione del patrimonio e della memoria, alle sfide dei nuovi turismi e itinerari.
In apertura si svolgerà la premiazione del concorso Art bonus 2020, in collaborazione con Ales – Arte servizi e lavoro spa e MiC, con i dieci finalisti. Ma sarà anche l’occasione per lanciare l’iniziativa del 2021, che vedrà una grande novità a livello nazionale.
Nella mattinata sarà consegnato il riconoscimento LuBeC 2021, conferito a una personalità che si è distinta nel settore dei Beni Culturali, e il Prefetto consegnerà alla XVII edizione di LuBeC la medaglia di rappresentanza del Presidente della Repubblica.
Partner stabili di LuBeC sono il MiC, la Regione Toscana e gli enti del territorio, oltre a varie imprese e istituzioni. BARCO, leader mondiale nelle tecnologie di visualizzazione, sarà il partner tecnologico di IMMERSIVA, realizzata in collaborazione con Bright Festival ed Immersiva Livorno. Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali e ICS Istituto – per il Credito Sportivo confermano anche in questa edizione il partenariato all’iniziativa riconoscendoli un ruolo attivatore di progetti e politiche di sistema. I risultati che ogni anno emergono da LuBeC vengono tradotti in proposte, affinchè possano essere recepiti nei programmi di sviluppo del Ministero.
Per consultare il programma generale e registrarsi agli appuntamenti di Lucca Beni Culturali, visitare il sito www.lubec.it.

© Riproduzione Riservata

Commenti