VICENZA (ITALPRESS) – Dopo la vittoria per 3-0 contro il Lussemburgo, l’Italia Under 21 di Nicolato vince 1-0 contro il Montenegro al ‘Mentì grazie ad una rete di Colombo e si porta a sei punti nel gruppo F di qualificazioni agli Europei di categoria del 2023, ad una lunghezza e con una partita in meno dalla Svezia. Al 9′ c’è la prima chance degli azzurrini. Sugli sviluppi di un calcio piazzato dalla destra, Colombo in mischia trova lo spazio per calciare ma anche la deviazione provvidenziale di Milic. La squadra di Nicolato è in pieno controllo del match ma fatica a pungere. La prima, vera chance nitida da gol nasce sugli sviluppi di una giocata individuale di Cancellieri che al 28′ rientra sul destro evitando un avversario e impegna Ivezic con una conclusione a giro. Senza Piccoli (infortunato), tocca a Colombo guidare il tridente d’attacco. E al 45′ l’attaccante della Spal sfiora l’1-0: dribbling nello stretto per liberarsi della marcatura di Milic e conclusione sul corpo di Ivezic in uscita. Ma al 53′ Colombo non fallisce la seconda occasione. E anche stavolta è tutto frutto della sua rapidità nello stretto: cross di Bellanova, aggancio del bomber scuola Milan e girata perfetta col mancino per l’1-0 degli azzurrini. Al 68′ Nicolato si gioca le forze fresche dalla panchina e rivoluziona l’attacco: fuori Yeboah e Colombo; dentro Mulattieri e Lucca, convocato in extremis dopo il problema fisico di Piccoli. E pochi minuti più tardi c’è spazio anche per il talento della Roma, Riccardo Calafiori che prende il posto di Udogie. All’81’ l’Italia ha la chance per chiudere definitivamente la partita: Bellanova serve Rovella che penetra in area, cerca lo spazio per il tiro ma col destro incrocia troppo e non inquadra la porta. All’86’ altra chance: uno schema su punizione libera Calafiori che da posizione favorevole lascia partire un cross forte che viene deviato in angolo. L’Italia gestisce bene il finale ma al 92′ c’è il brivido: Strikovic guida il contropiede e calcia ma Carnesecchi risponde presente e blinda il risultato.
(ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti