Antonio D'Aveni

TAORMINA – Non si placa il fermento e lo scontro politico sulla situazione della galleria Monte Tauro, per la quale quest’estate il Comune ha ottenuto in extremis il placet della Regione al passaggio dei bus turistici nell’opera che congiunge i versanti nord e sud di Taormina ma bisogna eseguire i lavori di adeguamento e messa a norma chiesti proprio dall’assessorato ai Trasporti, che nei mesi scorsi ha dato delle prescrizioni in tale direzione.

Sulla vicenda della galleria Monte Tauro rimane un clima di tensione e forti malumori in paese. Il consigliere di opposizione Antonio D’Aveni ribadisce di voler dare battaglia sull’ordinanza posta in essere dal Comune di Taormina a partire dall’8 marzo scorso ed in particolare sollecita chiarezza sulla situazione della galleria Monte Tauro.

D’Aveni non molla la presa e ha deciso di rivolgersi all’Autorità Giudiziaria affinchè si possa fare luce sulla questione. “Scriverò alla Procura di Messina – rende noto il consigliere Antonio D’Aveni – per rappresentare altri elementi ostativi che rendono inattuabile l’attuale viabilità a Taormina. Al momento in galleria si passa senza che sia stato fatto nulla per la sicurezza. Siamo di fronte all’impegno non portato avanti dal Comune sulla sicurezza. Per questo richiamo le responsabilità di tutti, dal sindaco sino alla giunta e i consiglieri comunali di questa Amministrazione. La questione verrà posta all’attenzione della Procura e di tutti gli enti preposti. La città è stata messa in ginocchio, sono pronto anche ad atti eclatanti in presenza di una questione di sicurezza che va affrontata e risolta con urgenza e per tutti gli aspetti che ne conseguono nel territorio sul piano sociale, economico e di tutela soprattutto della salute dei cittadini.

Intanto, dopo la manifestazione di interesse andata a vuoto (procedura deserta), con la quale si puntava all’affidamento del “Servizio di Protezione Civile a supporto agli operatori del Corpo di Polizia Municipale, per il transito autobus scoperti in galleria Monte Tauro, ora il Comune ha disposto l’affidamento diretto dell’incarico per il progetto afferente gli interventi di manutenzione straordinaria sull’impianto elettrico della galleria, e precisamente le linee elettriche di alimentazione dei sistemi di emergenza T-Net e picchetti di illuminazione di emergenza, oltre la direzione lavori e l’emissione del certificato di regolare esecuzione. E’ stato quindi approvato lo schema di disciplinare ed è stata impegnata la somma di 4 mila 900 euro volta all’ottemperanza delle leggi previste di sicurezza per le gallerie della rete stradale. “La mancata osservanza – precisa l’ente – potrebbe fare insorgere contenziosi e danno patrimoniale certo e grave all’ente”.

Una nota dell’Assessorato delle Infrastrutture e della Mobilità, Dipartimento delle Infrastrutture della Mobilità dei Trasporti ha richiesto un presidio fino al 30 settembre di operatori di Polizia Municipale, all’ingresso e all’uscita della della galleria per impedire l’ingresso degli autobus scoperti in caso di rallentamenti o blocco della circolazione all’interno della stessa. Non essendosi presentato nessun operatore, la Polizia municipale si sta occupando di questo servizio da sola, nonostante la carenza di organico con la quale si trova a dover fare i conti.

© Riproduzione Riservata

Commenti