TAORMINA – Il comitato cittadino “La Voce del Mare” dice no all’ipotesi del ticket di ingresso a pagamento per Isola Bella lanciata dal Cutgana, ente gestore della riserva. Il sodalizio dei residenti di Mazzarò ed Isola Bella si dichiara pronto a “dare battaglia” sulla prospettiva dell’introduzione di un biglietto a pagamento e su limitazioni numeriche per l’accesso alla Riserva Naturale di Isola Bella. “Se qualcuno vuole immaginare un ticket, che nei fatti equivarrebbe alla previsione di qualche “stipendificio” – si legge in una nota a firma del presidente Giovanni Aucello -, noi non ci stiamo e ci opporremo in tutti i modi. Per un mese all’anno all’Isola Bella le cose vanno in questo modo e c’è un gran pienone ma è così da tanto tempo e ora improvvisamente ci si scandalizza? Non si può cavalcare l’onda del momento per cercare le luci della ribalta e inventare qualcosa che non ha senso. Le attività produttive hanno fatto tanto sacrifici e vengono da una pandemia che ha scatenato una grave crisi. Diciamolo senza falsa ipocrisia: tutte queste presenze sono un momento di ristoro per l’economia locale. E poi chi dovrebbe controllare il numero degli ingressi alla Riserva? Il ragionamento che qualcuno fa per limitare o impedire gli accessi ad Isola Bella allora bisognerebbe farlo anche per il Corso Umberto e per il Teatro Antico? Vogliamo mettere anche un ticket per entrare a Porta Catania e Porta Messina e per la Via Teatro Greco? Di cosa stiamo parlando?”.

 

© Riproduzione Riservata

Commenti