Mario Bolognari e Salvo Cilona

TAORMINA – L’opposizione attacca il sindaco sull’avvenuta dichiarazione di dissesto del Comune di Taormina e sull’ipotesi che adesso starebbe emergendo a Roma di uno “Spalmadebiti” per i comuni siciliani in difficoltà finanziarie. E sulla questione arriva la risposta immediata del sindaco Mario Bolognari, che così replica per le rime al consigliere ed ex assessore al Bilancio della Giunta Giardina, Salvo Cilona.

“Il consigliere Cilona in una estemporanea esternazione ha ipotizzato un aiuto del Governo ai comuni in difficoltà finanziaria che escluderebbe Taormina in quanto già in dissesto finanziario. Non ha compreso che l’aiuto chiesto dell’Anci e promesso dal ministro Lamorgese riguarda i redigendo bilanci di previsione 2021 e non gli indebitamenti del passato. Pertanto, ha clamorosamente sbagliato ancora una volta. Se il Comune di Taormina avrà difficoltà a formulare il bilancio di previsione 2021 sarà aiutato esattamente come tutti gli altri”.

“Cosa diversa è la materia che riguarda i debiti al 31 dicembre 2020 che fanno parte della dichiarazione di dissesto finanziario deliberato recentemente dal consiglio comunale a seguito della bocciatura da parte della Corte dei Conti del piano di riequilibrio approvato dalla precedente amministrazione. Ma questo lo sanno anche i bambini della scuola materna. Invece di chiedere le mie dimissioni, tragga da solo le conclusioni di un disastroso piano di riequilibrio strombazzato come il salvavita e risultato il peggiore di sempre”. 

© Riproduzione Riservata

Commenti