l'avvocato Ninni Panzera

TAORMINA – Va in pensione lo storico e stimato segretario generale della Fondazione Taormina Arte, Ninni Panzera. Dal 1 agosto scorso si è concluso, infatti, il lungo e brillante percorso professionale dell’avvocato Panzera al vertice dell’ente culturale. Panzera ha dedicato 34 anni della sua vita a Taormina e TaoArte, con una storia iniziata nell’estate del lontano 1987, anno del suo arrivo a TaoArte in quella che era la quinta edizione della rassegna che allora vedeva come soci il Comune di Taormina, il Comune di Messina e poi anche l’ex Provincia regionale di Messina. “Di tutti questi anni mi porto dietro delle emozioni infinite e una serie interminabile di ricordi, tantissimi momenti – spiega Panzera -. Il pensiero va a tanti spettacoli che hanno scritto la storia dello spettacolo in Italia. Penso al Lohengrin con Sinopoli e poi Elettra, Liolà con Gigi Proietti, i grandi concerti, il festival del Cinema, il teatro e i coreografi, ed i nomi di fama mondiale dei direttori d’orchestra da Sinopoli, Bernstein, Zubin Mehta, Muti, Maazel ed altri ancora”.

Panzera in tutto questo tempo ha rappresentato un punto di riferimento ma soprattutto di equilibrio in TaoArte, la figura che ha affrontato sempre con importanti qualità umane e professionalità, con lucidità e saggezza, gli anni dei successi e anche quelli più complicati. Nel tempo si è meritato la piena stima di tutto il personale ed i collaboratori della struttura ma anche la simpatia degli artisti che hanno lavorato per TaoArte e ne ha apprezzato i toni garbati, il modus operandi sempre corretto e la capacità di rapportarsi agli altri sempre con signorilità.

“Se dovessi sintetizzare tutto in poche frasi questi 34 anni direi che ci sono stati gli anni travolgenti di Taormina Arte, con gli eventi di livello mondiale, le esclusive e serate che ci hanno realmente messo al centro dell’attenzione internazionale, e poi gli anni difficili in cui mi piace ricordare con orgoglio di essere riuscito a tenere la barra dritta e i nervi saldi anche quando tutto sembrava perso o comunque volgere per il peggio e si temeva che TaoArte si fosse avviata verso la chiusura. Non a caso è un momento che ho definito come l’attraversamento del deserto. Oggi Taormina Arte è passata dal Comitato alla Fondazione e potrà avere un futuro importante, all’altezza della sua storia”.

Panzera dal 1 agosto scorso è in pensione ma sino ad ottobre concluderà, comunque, la stagione artistica in corso, avviata nei mesi scorsi: “Concluderò sino a metà ottobre la stagione in atto, nel ruolo di direttore artistico per dare una continuità visto che altrimenti mancherebbe, anche considerando che non è ancora avvenuta la nomina del sovrintendente”.

Ma l’avvocato Panzera come se lo immagina il suo futuro? “E’ una bella domanda, devo dire che non ho avuto modo ancora di pensarlo. Questa stagione è stata molto intensa, stiamo lavorando senza pause e siamo concentrati sui numerosi impegni che ci vedono mettere in scena spettacoli a Taormina al Teatro Antico e all’Odeon ma anche a Tindari. Tra l’altro il segretario generale di TaoArte ricorda uno dei prossimi appuntamenti: “Nell’ambito del BelliniInFest, per il 12 agosto, ho organizzato una mostra che proporrà una luce nuova e particolare su Vincenzo Bellini e che spero potrà essere di gradimento del pubblico”.

© Riproduzione Riservata

Commenti