Giuseppe Caltabiano, Antonio Fiumefreddo e Giuseppe Sterrantino

TAORMINA – Si stringono i tempi pe per la nomina per la presidenza Asm. Il sindaco Mario Bolognari si appresta a decidere chi sarà la persona che dovrà guidare l’Azienda Servizi Municipalizzati che lo scorso 20 luglio è uscita dalla liquidazione dopo 10 anni di commissariamento. Sono almeno tre i candidati al momento in corsa per la massima carica dell’ente di contrada Lumbi. Sul tavolo c’è l’eventuale riconferma dell’attuale liquidatore Antonio Fiumefreddo, ma anche la possibile nomina del consigliere comunale Giuseppe Sterrantino. E a sorpresa c’è anche l’ipotesi di nomina dell’ex assessore al Bilancio, Giuseppe Caltabiano.

In pole position rimane la possibile permanenza all’Asm di Fiumefreddo, che ha traghettato l’azienda fuori dall’interminabile stagione della liquidazione che andava avanti dal settembre del 2011 e anche in questi giorni si è reso protagonista di alcuni provvedimenti a sorpresa come la nomina di una commissione con 3 alti funzionari dello Stato per la selezione dei lavoratori interinali all’Asm e che ha anche istituito un fondo welfare per i lavoratori dell’azienda, per poi decidere anche di concedere la sosta gratuita nel parcheggio Lumbi alle persone che decideranno di recarsi all’hub vaccinale. Bolognari potrebbe scegliere la via della continuità e proseguire ancora con Fiumefreddo, stavolta nel più ampio contesto gestionale di una presidenza che sarà collaborata anche dalla nomina di un Cda.

Resta pure possibile che il primo cittadino decida, invece, di optare per una nomina politica e in questa direzione i nomi che si fanno sono soprattutto quelli di Sterrantino e Caltabiano. Per quanto riguarda Sterrantino, da tempo si parla di un suo approdo al vertice di Asm ed è un nome che era circolato anche quando ad un certo punto sembrava in discussione la conferma di Fiumefreddo nell’ambito del periodo di commissariamento in azienda. Adesso la nomination di Sterrantino è tornata d’attualità e una parte della maggioranza spinge a suo sostegno.

Allo stesso modo è tornato anche in auge l’ex assessore al Bilancio, Caltabiano, che nei primi mesi del 2019 si era dimesso dalla Giunta per dissapori con l’allora Collegio dei Revisori dei Conti del Comune. Il gruppo Caltabiano, che fa riferimento alla vicepresidente del Consiglio, Alessandra Caltabiano, reclama spazio all’interno dell’aggregazione di governo, dove ad inizio legislatura aveva uno spazio proprio con la presenza in Giunta di Giuseppe Caltabiano: nell’Esecutivo non c’è più spazio per questa compagine, che ora aspetta di poter riavere una posizione. Ma non si escludono neanche delle ulteriori sorprese per la presidenza Asm.

© Riproduzione Riservata

Commenti