TAORMINA – L’incubo delle varianti Covid continua a tenere in ostaggio la ripresa del turismo in Italia. Dei 17 milioni di italiani pronti a partire per le vacanze estive, il 34% di questi – pari a quasi 6 milioni, secondo Confturismo, fa sapere di aver già disdetto almeno una delle prenotazioni di servizi turistici. Del restante 66%, quasi un terzo si dice pronto a disdire quanto prenotato in caso di peggioramento della situazione pandemica.

Dopo un luglio che si è chiuso sotto le aspettative e mentre rimane anche distante dai livelli pre-Covid anche il numero dei turisti stranieri, il pericolo adesso è quello di ulteriori riflessi negativi sul turismo anche in vista dell’autunno. Il trend delle disdette non risparmia nessuno e neanche Taormina, dove si tema la variante Delta ed anche Federalberghi ha evidenziato che si stanno registrando delle prenotazioni che vengono cancellate in vista del periodo di settembre ed ottobre ed in qualche caso anche per il mese appena iniziato.

Secondo Confuturismo già dopo il flop di giugno mancavano all’appello 8 milioni di presenze estive rispetto alle estati pre-Covid, e adesso si rischierebbe in Italia la perdita di altri 8 milioni di vacanzieri. Si registra anche la tendenza di chi parte a ridurre la propria vacanza anche a due notti, con il 9% soltanto che si concede tra i 3 e i 7 giorni di pernottamento in strutture ricettive ed extra-ricettive ed il 13% va oltre una settimana di vacanza.

Pesa la minaccia delle varianti del virus ma anche l’incertezza legata all’entrata in vigore del green pass, che in piena stagione turistica va a disorientare non pochi vacanzieri e li costringe a rinunciare alla vacanza già prenotata. Ma incidono anche altri fattori come l’assenza di chiarezza da parte del Governo e da parte dei media che – con una pessima informazione – dicono troppo spesso tutto ed il contrario di tutto, disorientando il cittadino.

Eppure la Sicilia è una delle tre regioni preferite dagli italiani con la Puglia e la Toscana, con le mete marittime (come Taormina) che rimangono la destinazione preferita dal 60% dei turisti di casa nostra.

© Riproduzione Riservata

Commenti