Piero Benigni

TAORMINA – “Stiamo per uscire da una fase pandemica difficile ma i dati non ci confortano. La mia professione me lo indica e le sensazioni all’esterno dell’Italia non sono molto confortanti. Se stavamo pensando di poter ripartire in tranquillità, in serenità bisogna valutare attentamente ciò che sta succedendo. Occorre valutare i numeri attuali e stare attenti a quelle che sono le sollecitazioni da fare a chi sino ad oggi non ha avuto l’attenzione nel vaccinarsi”. Lo ha dichiarato il general manager dell’hotel San Pietro di Taormina sulla situazione del turismo in città e sulla questione delle vaccinazioni anti-Covid.

“E’ vero che c’è la libertà di coscienza, c’è la libertà di espressione e di parola, e la libertà di vivere la propria vita nel miglior modo che ciascuna persona crede – ha detto Benigni -. Ma se tutto ciò non avrà termine nel più breve tempo possibile, credo che non saranno giorni, mesi e forse anni di grande tranquillità. Non voglio fare il catastrofista ma queste sensazioni le vivo sulla mia pelle, insieme alle persone con cui lavoro tutti i giorni”. 

© Riproduzione Riservata

Commenti