TAORMINA – Si sblocca l’iter per l’arrivo da Milano a Taormina di un agente di Polizia locale che aveva preso parte alla manifestazione di interesse indetta dal Comune di Taormina nelle scorse settimane. Il Comune di Milano ha dato il via libera, con nota trasmessa ieri agli uffici di Palazzo dei Giurati, all’attivazione del Comando temporaneo presso la casa municipale ionica. E’ arrivato così’ il nulla osta definitivo per consentire la presa di servizio a Taormina del proprio agente per un periodo di 12 mesi a partire dal 19 luglio.

Si tratta dell’unico rinforzo sul quale, almeno per il momento, potrà contare il Comune di Taormina. L’operatore era atteso già per il giorno 5 luglio in città ma la procedura si era poi fermata a causa di alcune schermaglie tra i rispettivi comuni di Milano e Taormina. Adesso la questione si è risolta.

Il Comune di Taormina ha chiesto il 13 luglio a quello di Milano che dal 19 luglio l’agente possa iniziare il suo servizio a Taormina presso il locale Comando di Polizia locale e la richiesta è stata accolta. In sostanza, la Giunta delle Perla dello Ionio aveva deliberato la relativa procedura il 1 luglio scorso prevedendo che già dal 5 luglio l’operatore sarebbe stato poi in servizio a Taormina. I tempi troppo stretti avevano tuttavia creato qualche malumore da parte del Comune di Milano che ha “congelato” il placet definitivo all’operatore per “problemi organizzativi”. Allo stesso tempo il Comune di Taormina ha poi preannunciato l’imminente dichiarazione di dissesto che aveva creato qualche dubbio da parte del Comune di Milano sulla effettiva opportunità che Palazzo dei Giurati possa ottemperare agli impegni per quanto concerne la relativa copertura economica della procedura. Alla fine, adesso, le perplessità sono state fugate e dal capoluogo lombardo è stato trasmesso il via libera finale trasferimento tramite istituto del comando.

“Si precisa – evidenzia il Comune di Milano – che gli oneri relativi al trattamento fondamentale saranno a carico del Comune di Milano e poi rimborsati dal Comune di Taormina, mentre ogni emolumento di carattere accessorio dovrà essere corrisposto direttamente all’operatore dal Comune di Taormina”.

Rimane, ad ogni modo, complicata la situazione della Polizia locale taorminese che ad oggi conta su 7 operatori di cui uno andrà in pensione dal 1 agosto e altri due si avvicinano anch’essi a congedarsi dal servizio tra la fine dell’anno e i primi mesi del 2022. Si contava di effettuare nel prossimo biennio l’assunzione di 11 istruttori di vigilanza ma il dissesto finanziario stoppa ora questa previsione e diventa un ulteriore problema da affrontare per la Polizia locale.

© Riproduzione Riservata

Commenti