TAORMINA – Il Comune di Taormina va al dissesto finanziario e adesso c’è da capire quale sarà lo scenario nella capitale del turismo siciliano. L’istituto del dissesto finanziario è una procedura che, in premessa, va distinta dal fallimento di un’impresa privata in quanto non si può determinare l’estinzione del Comune proprio perché gli enti locali non possono cessare di esistere come una semplice impresa privata, ma bisogna garantire la continuità amministrativa.

La procedura crea di fatto una frattura tra la precedente amministrazione e l’amministrazione controllata, permettendo al Comune in dissesto di ripartire libero dai debiti, ma libero anche dai crediti e dal suo patrimonio, che verranno ceduti per consentire la liquidazione.

Tutto ciò che concerne il “pregresso” viene estrapolato dal bilancio comunale e trasferito alla gestione straordinaria che si occupa della liquidazione e che ha competenza su tutti i debiti correlati alla gestione entro il 31/12 dell’anno precedente a quello dell’ipotesi di bilancio riequilibrato, anche se venissero accertati successivamente.

In sostanza, al Comune di Taormina gli amministratori ed organi politici di rappresentanza – sindaco e Giunta e Consiglio comunale – rimarranno al proprio posto ma al contempo si avvierà una gestione amministrativa separata di debiti e crediti dell’ente – sino alla data del 31 dicembre 2020 – che farà capo a una commissione di tre commissari che verranno nominati dal Ministero dell’Interno.

La commissione si occuperà del disavanzo pregresso, mentre l’amministrazione gestirà il bilancio “risanato”. La sola ipotesi di commissariamento del Comune si verifica nel caso – e non è questo – in cui l’amministrazione non dovesse approvare il bilancio di previsione (la cui scadenza solitamente è alla fine del mese di maggio).

La dichiarazione del dissesto di fatto congelerà invece la scadenza del bilancio stesso, mettendo in moto una procedura del tutto diversa per la definizione e l’approvazione del bilancio stesso; le conseguenze maggiori del dissesto finanziario si avranno sotto il profilo contabile (LEGGI QUI)

© Riproduzione Riservata

Commenti