il prof. Maurizio Spina

CASTELMOLA – Nasce una nuova sede dell’Archeoclub d’Italia in Sicilia, ed è quella di Castelmola-Taormina. Il gruppo in fase di formazione sarà guidato dal prof. Maurizio Spina – architetto e docente di urbanistica all’Università di Catania. Soddisfazione per questa importante novità nel panorama culturale del territorio del primo polo turistico siciliano è stata espressa dal presidente Nazionale, Rosario Santanastasio e dal coordinatore regionale Pippo Cosentino.

La Sicilia continua quindi a dare un grosso contributo al movimento culturale che l’Archeoclub d’Italia porta avanti e la nuova sede è il segno tangibile di questa crescita capillare in tutto il territorio nazionale. Una sede prestigiosa che annovera tra i suoi componenti alcune personalità del territorio come Rino Ansaldi, Antonella Cortese, Roberta Russo, Anna Maria Cacopardo, Daniil Mikhailovich Yatsenko, Giovanni Mauro, Salvatore Puglisi.

Territorialità, inclusione e valorizzazione saranno i temi di approfondimento della nuova sede che considera le istituzioni comunali e regionali come partners privilegiati all’interno di questa nuova avventura culturale – innestata in un terreno culturale fertile che ha già una storia di impegno da consolidare e rilanciare. Una novità fresca e determinata che candida la realtà di Castelmola-Taormina come sede iconica dell’Archeoclub d’Italia per ospitare eventi di livello nazionale e internazionale come nella tradizione del territorio. “E’ un’altra conquista per Castelmola, ed e’ anche un altro successo per la mia comunità”, ha dichiarato il sindaco Orlando Russo che ha espresso “pieno sostegno a questa iniziativa di alto profilo culturale e sociale”.

© Riproduzione Riservata

Commenti