“I vaccini sono la chiave per aprire una fase nuova”. A parlare, in un’intervista a La Stampa, è il ministro della Salute Roberto Speranza che spera di non rinnovare lo stato d’emergenza in scadenza il 31 luglio, “per dare un segnale positivo al Paese”. “Avere due terzi del Paese in zona bianca e’ il frutto delle misure rigorose adottate e della campagna vaccinale che procede con numeri molto buoni”. “Nell’ultima settimana abbiamo registrato 11mila nuovi casi, che prima contavamo in un giorno, e i ricoveri in terapia intensiva sono un sesto rispetto a poche settimane fa. Ma e’ necessario continuare sulla strada della prudenza e della gradualità, su questo punto c’è un’ampia condivisione anche tra i cittadini”.
“Sul concetto di immunità di gregge c’e’ dibattito tra gli scienziati, io dico che vorrei arrivare a settembre al punto che tutti gli italiani che vogliono vaccinarsi avranno avuto la possibilità di farlo – prosegue Speranza – e con le dosi in arrivo nelle prossime settimane siamo in condizione di continuare con il ritmo prestabilito”. Riguardo al cosiddetto “crossing vaccinale” sottolinea: “e’ una cosa che la Germania fa da due mesi, che anche la Francia e la Spagna fanno da tempo: e’ una procedura che ha dato buoni risultati, non sono invenzioni, ma evidenze e studi scientifici”.
(ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti