TAORMINA – Il Comune di Taormina ha avviato un check-up dei contributi riguardanti i Servizi Sociali per avere contezza ed un quadro aggiornato dei vari aiuti che vengono dati attualmente dall’ente ai cittadini e alle categorie in difficoltà. Ad annunciare questo intendimento è l’assessore al Bilancio, Nunzio Corvaia.

“I servizi sociali verranno garantiti a tutti e questo lo voglio sottolineare in premessa – ha detto Corvaia -. E’ vero che c’è stata una stretta nell’elargizione delle somme. Abbiamo anche avuto diversi problemi. Il primo fattore è stato quello riguardante la sostituzione del programma e ci siamo fermati per 15 giorni. Il secondo motivo è di natura politica, perché voglio avere contezza della situazione e del bilancio e poi si andrà avanti tranquillamente. Ci tengo a dire che nel frattempo i servizi non verranno fermati e non subiranno nessuna battuta d’arresta. In ogni caso dovremo vedere quello che è essenziale. Mi rendo conto della pandemia e che la cittadinanza è in difficoltà ma anche il Comune lo è. Non possiamo sostenere tutta la cittadinanza con le nostre finanze”.

La presa di posizione dell’assessore Corvaia, che concerne un settore comunque gestito con oculatezza dall’assessore ai Servizi Sociali, Francesca Gullotta, si inquadra nell’ambito del nuovo regolamento di contabilità del Comune che è stato esitato dal Consiglio comunale giovedì scorso con 10 voti favorevoli (con il voto cioè dei consiglieri di maggioranza) e 3 astensioni (quelle dei consiglieri di opposizione), e che subentra al precedente che era ormai datato nel lontano 1999. “Il nuovo testo – ha rimarcato l’assessore al Bilancio – nasce per dare delle direttive e lavorare in sinergia con i responsabili di area per l’indirizzo politico, la previsione e attuazione degli atti di natura contabile. “Il nuovo regolamento – ha aggiunto Corvaia – comprende una serie di aspetti che vengono riorganizzati e che riguardano la gestione delle entrate e delle spese, pareri e segnalazioni, la gestione patrimoniale ed inoltre adempimenti preliminari a carico dei responsabili del servizio, la definizione, formazione e approvazione del rendiconto e dei risultati di gestione, il servizio di economato, revisione economica-finanziaria, la tesoreria e il monitoraggio dell’indebitamento”.

© Riproduzione Riservata

Commenti