TAORMINA – Prosegue l’iter avviato dall’Azienda Servizi Municipalizzati di Taormina per l’individuazione di un operatore interessato ad effettuare il servizio di car sharing, bike sharing e noleggio di monopattini e motocicli elettrici da svolgere nel territorio della Perla dello Ionio. L’iniziativa punta ad incentivare la diffusione della mobilità sostenibile e le forme alternative di trasporto in città, provando anche così a migliorare le condizioni del traffico veicolare in città e la qualità ambientale ed urbana. E’ stata prevista, in tal senso, una sperimentazione di due anni per questo servizio, che dovrebbe essere effettuato utilizzando come aree di sosta e per il ricovero dei mezzi facenti parte della flotta disponibile nei parcheggi Lumbi e Porta Catania e presso il piazzale di Mazzarò.

Si è conclusa la prima fase relativa all’indagine di mercato indetta dall’Azienda Servizi Municipalizzati, a cui hanno risposto (attraverso la manifestazione di interesse in scadenza lo scorso 28 maggio) sei società del settore. Si tratta di operatori rispettivamente con sede una a Bologna, una a Roma, una a Berlino/Torino, una a Firenze e due società di Milano. Si tratta di Illumia (Bologna), Gestione e Servizi (Roma), Bird Rides (Milano), Wind Mobility (Berlino/Torino), Lime Technology (Milano) e Timove (Firenze).

Il numero totale dei veicoli richiesto è di 350 mezzi in servizio contemporaneo, suddivisi in 100 monopattini elettrici, 200 biciclette elettriche, 20 auto elettriche e 30 motocicli ad alimentazione elettrica. La fase successiva riguarderà, a questo punto, la redazione del bando di gara e la presentazione della relativa offerta economica per aggiudicare il servizio che, presumibilmente, nel rispetto dei tempi tecnici necessari, potrebbe essere attivato nei prossimi mesi.

“Si tratta di una scelta importante per liberare Taormina dalle emissioni e per offrire un servizio a quanti, turisti e visitatori occasionali, giungendo a Taormina, vorranno muoversi fuori dalle aree pedonali con mezzi elettrici – ha evidenziato il liquidatore di Asm, Antonio Fiumefreddo -. Auspichiamo e crediamo possa trattarsi di un servizio gradito ai turisti, sempre più sensibili alle tematiche ambientaliste, che scelgono la meta da raggiungere valutando le scelte verdi che vengono fatte dai territori”.

© Riproduzione Riservata

Commenti