Antonella Ferrara

TAORMINA – Si rinnova l’appuntamento con il Taobuk Festival e la rassegna ideata e diretta da Antonella Ferrara anche quest’anno proporrà un programma di alto livello con tante personalità, con oltre 200 protagonisti internazionali attesi in città dal 17 al 21 giugno, per cinque giorni di incontri letterari e culturali, lezioni magistrali, dialoghi, eventi scenici e percorsi espositivi sul filo rosso di un tema – “La metamorfosi. Tutto muta” – fortemente connesso al nostro tempo.

Taobuk si è ormai dimostrato e consacrato a pieno titolo nel ruolo di un’eccezione di reale prestigio in un ventennio di ribalta effimera e modeste soddisfazioni per la città, lì dove altri eventi sono rimasti appuntamenti di “nicchia” ed altri ancora – come il festival del cinema – non sono più riusciti a riconquistare la ribalta internazionale del passato. Il festival guidato da Antonella Ferrara simboleggia, invece, un ritorno di assoluta qualità al passato e a quei fasti dell’epoca d’oro di Taormina, quando la capitale del turismo siciliano era il “salotto” preferito delle personalità più importanti del mondo. Taobuk è un festival che nel suo primo decennio di vita è sempre cresciuto e si è meritato sul campo, per l’indubbio spessore dei suoi contenuti, il ruolo indiscusso di kermesse di riferimento nel panorama culturale della Perla dello Ionio ma assai più in generale un unicum in Italia e un contenitore di alto livello che fa la sua degna figura tra i festival del Vecchio Continente.

Taobuk Festival non si è fermato nemmeno nel 2020, nell’anno della pandemia e di una crisi epocale, anzi ha rilanciato la sfida grazie alla determinazione, la caparbietà, la competenza e l’impegno del suo infaticabile deus ex machina, Antonella Ferrara, e ha proposto un’edizione ancor più sontuosa di quelle – già importanti – degli anni precedenti. E dal 17 al 21 giugno Taormina sarà nuovamente una capitale della cultura mondiale, al centro della scena dove l’ha riportata Antonella Ferrara con la sua creatura di successo, che oggi va considerata motivo di orgoglio e vanto per questo territorio.

«Concretizzare questa edizione in presenza con ospiti di altissima rilevanza era un obiettivo tutt’altro che scontato, nei mesi più duri della recrudescenza pandemica – spiega la Direttrice artistica e fondatrice di Taobuk Festival Antonella Ferrara – ma abbiamo voluto crederci e il nostro impegno è stato notevole nei mesi scorsi. Nel conto alla rovescia per la giornata inaugurale, giovedì 17 giugno, possiamo finalmente manifestare la nostra vivissima soddisfazione per un cartellone che riunirà in presenza a Taormina alcuni dei nomi più significativi della scena letteraria mondiale del nostro tempo. Saranno con noi il Premio Nobel Olga Tokarczuk, nella giornata inaugurale, e i giorni successivi gli scrittori Emmanuel Carrère e David Grossman, insigniti – come l’autrice polacca – del Taobuk Award 2021 per l’Eccellenza Letteraria. E ospiteremo al festival Manuel Vilas, che sarà protagonista anche di dialoghi eccellenti in occasione della Conferenza internazionale di Taormina e Messina sull’Europa e della due giorni nazionale dei Patti per la Lettura organizzata dal Cepell. Sono solo alcuni nomi, fra i tanti del programma 2021 di Taobuk Festival, ma danno il segno della rilevanza di un appuntamento che rilancia la cultura in presenza, e l’incontro a tu per tu fra lettori e scrittori. È il nostro “dono” al pubblico che da undici anni ci segue con straordinaria partecipazione. Un modo per festeggiare insieme, con oltre 200 grandi voci internazionali, la ripresa e la ripartenza degli eventi culturali: da Taormina e dalla Sicilia consegneremo con entusiasmo e passione il testimone di Taobuk agli eventi culturali in arrivo nel corso dell’estate».

La consegna dei Taobuk Award 2021 sarà al centro, sabato 19 giugno nel Teatro Antico di Taormina, dell’imperdibile serata di Gala di Taobuk – Taormina Book Festival.

© Riproduzione Riservata

Commenti