ROMA (ITALPRESS) – Palloncini colorati, Alessandro Nesta e Francesco Totti e la spettacolare voce di Andrea Bocelli. E poi, anzi soprattutto, i tifosi, con un’emozione tangibile già fuori dallo stadio. Euro2020 ha dovuto attendere un anno, causa pandemia, ma la serata inaugurale nella splendida cornice dello stadio Olimpico di Roma non ha deluso le attese. “Sarà l’Europeo della ripartenza”, hanno ripetuto istituzioni politiche e sportive negli ultimi mesi. E la ripartenza è stata carica di passione. Traffico e clacson nella zona dell’Olimpico, cori e simpatici sfottò tra tifosi italiani, naturalmente in superiorità numerica, e turchi, ben rappresentati da oltre duemila persone in curva Nord. Per entrare allo stadio file ordinate, mascherine e distanziamento con certificati alla mano. Dentro, alle 20.30 scatta l’ora della cerimonia inaugurale, aperta dal saluto di Nesta e Totti. Un quarto d’ora che ha coinvolto gli spettatori in un’escalation di emozioni, nonostante l’annunciata assenza delle Frecce Tricolori per ragioni di sicurezza. La banda musicale della Polizia di Stato ha eseguito il brano ‘Guglielmo Tell’ di Gioacchino Rossini. Poi i fuochi d’artificio, le bandiere delle 24 nazionali e infine l’eccezionale interpretazione di Bocelli nell’aria della “Turandot”, “Nessun dorma”, capace di unire tifosi italiani e turchi in lungo e meritato applauso. Le note di “We Are the People”, inno ufficiale della manifestazione firmato da Martin Garrix con Bono e The Edge degli U2, hanno chiuso la cerimonia e lasciato spazio all’ingresso in campo delle squadre, sotto gli occhi del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. E al fischio dell’arbitro, i cori dei tifosi, con gli “ospiti” turchi ben più rumorosi in avvio. E’ tornato il pubblico, è cominciato l’Europeo, è ripartito il “vecchio” calcio dopo la pandemia.
(ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti