BOLOGNA (ITALPRESS) – Italia promossa nell’ultimo test amichevole prima di Euro2020. A una settimana dall’esordio contro la Turchia, gli azzurri superano al Dall’Ara la Repubblica Ceca per 4-0 e piazzano il ventisettesimo risultato utile consecutivo. A Bologna Roberto Mancini ritrova il neo campione d’Europa Jorginho in mezzo al campo mentre in difesa, davanti a Donnarumma, tornano i veterani Chiellini e Bonucci. Proprio quest’ultimo, in avvio, spaventa il commissario tecnico: al 17′ il centrale bianconero resta a terra dopo un contrasto di gioco ma i fantasmi di una distorsione al ginocchio vengono scacciati dal ritorno sul rettangolo di gioco qualche minuto più tardi. L’Italia cambia marcia da metà primo tempo e passa per due volte, anche con un pizzico di fortuna e un paio di deviazioni decisive. Al 23′ è Immobile a sbloccare l’incontro con la complicità di Celutska, poi al 42′ arriva il momento di Barella: il centrocampista dell’Inter colpisce dal limite in caduta, il pallone sbatte su Boril e si impenna assumendo una traiettoria imprendibile per il portiere Pavlenka.
I tre cambi del ct Silhavy in avvio di ripresa non scuotono la Repubblica Ceca. L’Italia continua a premere sull’acceleratore e trova il tris al 66′ con Insigne: Immobile veste questa volta i panni di assist man, l’esterno napoletano piazza sul palo più lontano e festeggia con un gol il suo trentesimo compleanno. Alla festa partecipa anche Domenico Berardi, che chiude i conti al 73′: gli ospiti lasciano delle voragini, Insigne vede lo spazio per il giocatore del Sassuolo che, con freddezza, mette a sedere Pavlenka e lo scavalca col tocco sotto. Nel finale c’è tempo per l’esordio in nazionale maggiore di Raspadori, smanioso di ritagliarsi un ruolo da protagonista anche quando il gioco si farà duro: l’appuntamento è per l’11 giugno all’Olimpico con la Turchia.
(ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti