Via Arancio a Trappitello

TAORMINA – Via libera del Consiglio comunale di Taormina ad un ordine del giorno che prevede lo stanziamento aggiuntivo di 100 mila euro per un piano di interventi finalizzato alla necessaria sistemazione della Via Arancio. L’atto di indirizzo presentato dai consiglieri di opposizione, con primo firmatario il consigliere Antonio D’Aveni, evidenzia “le gravi condizioni in cui versa il sistema di raccolta e di canalizzazione delle acque bianche in Via Arancio”. Si rimarcano per questa popolosa zona residenziale di Trappitello “i reiterati allagamenti in concomitanza con le piogge” e che “a causa di tali allagamenti non solo si sono registrati gravi danni agli immobili ma anche le colture ed i mezzi di trasporto e la stessa incolumità delle persone è a rischio”. Ed ancora: “In più occasioni i conducenti dei mezzi in transito nella Via Arancio e gli abitanti della zona sono rimasti bloccati per le situazioni di allagamento di questa arteria”. Si richiama anche il fatto che in Via Arancio vi sia “una cabina Enel nella zona maggiormente soggetta al fenomeno degli allagamenti” e si prende atto, quindi, delle “pessime condizioni in cui versa questa strada sia dal punto di vista strutturale che manutentivo”. Il problema maggiore riguarda, comunque, l’assenza di una corretta canalizzazione delle acque. D’Aveni ha evidenziato anche l’interessamento sulla problematica da parte del consigliere di maggioranza, Giuseppe Sterrantino, che aveva anche lui sollecitato all’Amministrazione interventi risolutivi per quanto riguarda la Via Arancio.

Pesa e incide sulla vivibilità di questa zona l’assenza in zona di fognature e condotte idonee ad impedire che il maltempo e le piogge rendano puntualmente questa zona una piscina a cielo aperto. Al momento, per questo motivo, è stato disposto nei mesi scorsi dal Comune di Taormina il limite di velocità di 30 km/h per tutti i veicoli nella Via Arancio” ed “il divieto di circolazione di tutti i veicoli e pedoni nel tratto compreso tra la cabina elettrica e l’ingresso dell’azienda “Golden Fruit”.

Per questo l’atto di indirizzo ha proposto l’assegnazione di 100 mila euro nel redigendo bilancio comunale di previsione per risolvere il problema della raccolta delle acque bianche in Via Arancio e per sanare le criticità al momento in atto sia in termini strutturali che manutentivi.

© Riproduzione Riservata

Commenti