ROMA (ITALPRESS) – “Nessun consumo di droga è avvenuto nella Green Room e riteniamo chiusa la questione”. Così l’EBU, European Broadcasting Union, che promuove e organizza l’Eurovision Song Contest, chiude, attraverso una nota, la vicenda che ha coinvolto i Maneskin e il frontman Damiano, accusato di aver sniffato cocaina in diretta. “Siamo allarmati – prosegue l’Ebu – dal fatto che speculazioni inesatte che portano a notizie false abbiano oscurato lo spirito e l’esito dell’evento e influenzato ingiustamente la band. Ci congratuliamo ancora una volta con i Maneskin e auguriamo loro un enorme successo. Non vediamo l’ora di lavorare con il nostro partner italiano Rai alla produzione di uno spettacolare Eurovision Song Contest in Italia il prossimo anno”.
(ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti