TAORMINA – Una monorotaia a trazione elettrica in arrivo a Taormina? A lanciare l’ipotesi e’ il sindaco di Taormina, Mario Bolognari, che prospetta un possibile servizio che riguarderebbe l’intero comprensorio.
“Ho ricevuto una proposta interessante da parte del prof. Marcello Bartolotta, amico che ha a cuore le sorti delle aree interne collinari del nostro comprensorio – spiega il sindaco di Taormina -. Mi sembra una proposta interessante, anche suggestiva, che in questo momento si coniuga bene con l’esigenza di un turismo più lento, leggero, compatibile e spalmato sul territorio”.

Secondo quanto rimarcato dal primo cittadino di Taormina si tratta, a questo punto, di progettare e realizzare una monorotaia a trazione elettrica che colleghi da Giardini Naxos a Forza d’Agrò i comuni di Taormina, Castelmola, Letojanni, Gallodoro, Mongiuffi Melia, Roccafiorita, Limina, Antillo, Casalvecchio, Savoca, Santa Teresa di Riva, Sant’Alessio. “Il percorso – secondo Bolognari – avrebbe una finalità preminentemente turistica e quindi dovrebbe attraversare i territori in punti panoramici e curati”.

Poi l’appello al sindaco metropolitano Cateno De Luca: “Faccio appello al sindaco De Luca, perché si faccia promotore di un primo incontro per verificare la volontà dei 14 comuni di fare squadra e avviare un percorso. Mi rendo conto delle difficoltà economiche e progettuali, ma la sfida è troppo alta per non essere raccolta. Specialmente in questo momento di avvio della pianificazione sul PNRR. Mi rendo anche conto delle difficoltà di costruire una rete tra 14 comuni, di diverse dimensioni e con ambizioni diverse, ma penso che siamo a un livello di maturazione tale da rendere possibile un accordo anche su questo. Per superare anche questo ostacolo dovrebbe essere la Città metropolitana a guidare il processo di avvio, magari coinvolgendo nella fase della progettazione preliminare l’Università di Messina”.

Intanto Bolognari ha fatto sapere che in un recente incontro avuto con lo staff che sta curando la redazione del piano strategico della Città Metropolitana ha proposto questa infrastruttura e quindi anche ufficialmente l’ente provinciale è stato investito dell’iniziativa. “L’ing. Salvo Puccio, della Città Metropolitana, potrà verificare la fattibilità tecnica della proposta che ho fatto pervenire al suo staff”.

© Riproduzione Riservata

Commenti