l'ospedale San Vincenzo di Taormina

TAORMINA – Si fa concreto lo spettro riguardante il rischio di chiusura per il reparto di Ortopedia dell’ospedale San Vincenzo di Taormina. Uno dei reparti di riferimento del presidio di contrada Sirina, dove affluiscono numerosi pazienti dall’hinterland, ma anche da diverse zone del messinese e dell’etneo, è infatti ad un passo dal punto di non ritorno per la carenza di organico.

Stando alle previsioni della pianta organica dovrebbero esserci almeno 7 ortopedici in forza a questo reparto ma sin qui ne sono rimasti soltanto 4 più il primario, il dott. Roberto Ventimiglia. E adesso i medici a disposizione dell’Ortopedia potrebbe diventare già nei prossimi giorni soltanto due. Si prospettano, quindi, due ulteriori defezioni di professionisti che potrebbero lasciare il reparto.

Anche per questo, visto il perdurare e l’aggravarsi della problematica di una carenza cronica di medici di Ortopedia, ed anche tenendo conto che al momento l’Asp non bandito appositi concorsi per il potenziamento dell’organico, il bivio di questa unità operativa diventa tra l’andare incontro ad una clamorosa chiusura o una soluzione d’emergenza che consentirebbe di affrontare il momento di difficoltà in attesa dei rinforzi. L’unica strada percorribile per consentire la regolare prosecuzione delle attività potrebbe essere, intanto, quella di una chiusura serale del pronto soccorso traumatologico (si ipotizzerebbe alle ore 20), per alleggerire il carico di lavoro sul personale che, comunque, sta garantendo con impegno e senso di responsabilità il servizio diurno ma che ormai si ritrova a doversi fare carico di turni massacranti. Servono almeno due ortopedici per determinare almeno un primo punto di svolta e allontanare l’emergenza attuale in un reparto che, tra l’altro, è una delle eccellenze del San Vincenzo. Da più parti si sollecita un intervento risolutivo per aiutare questo reparto, ed anche il Tribunale dei Diritti del Malato ha invitato l’Asp ad affrontare le criticità di organico dell’Ortopedia di Taormina.

L’equipe di Ventimiglia (unico primario di Ortopedia dei presidii della provincia) non si è fermata neanche in questo anno di pandemia. Si parla di un reparto che esegue trattamenti specialistici all’avanguardia per protesi anca, ginocchio, spalla ed interventi in elezione. In Ortopedia al San Vincenzo vengono operati i politraumi e si trattano i pazienti che hanno riportato delle fratture che necessitano poi di accesso in rianimazione, con un ruolo strategico in sinergia o a supporto degli altri reparti del nosocomio. Si tratta, insomma, di un reparto che va potenziato, rilanciato e che ha le carte in regola anche per rappresentare un polo specialistico dell’Ortopedia nell’ambito delle strutture ospedaliere dell’Asp Messina. I giorni passano e se non arriveranno i rinforzi in tempi stretti, la prospettiva che incombe all’orizzonte è quella di un reparto dove rischia di restare operativa soltanto l’attività di ambulatorio di traumatologia.

© Riproduzione Riservata

Commenti