GAGGI – Arriva un importante finanziamento per Gaggi nell’ambito dei bandi promossi dal Gal Terre dell’Etna e dell’Alcantara (Piano di Azione Locale PAL), che ha tra i suoi obiettivi la tutela del patrimonio rurale, la creazione e sviluppo di micro imprese, la valorizzazione del territorio e dei prodotti tipici locali. Gaggi ha ottenuto uno stanziamento di 74 mila 506 euro a sostegno di un progetto finalizzato al ripristino della strada comunale sita in contrada Gravinazzo a Gaggi, nel quadro di una riqualificazione naturalistica per una migliore e sicura fruizione in chiave turistica e del fiume Alcantara. Il decreto di finanziamento è stato consegnato al sindaco di Gaggi Giuseppe Cundari, a margine di una riunione nella casa comunale, dal presidente del Gal, Piero Mangano, alla presenza anche del componente del cda del Gal, Salvatore Dilettoso.

“Il progetto – spiega il sindaco Cundari (che ha ottenuto l’ennesimo importante risultato per la Città di Gaggi) – è già munito di tutte le autorizzazioni previste ed a breve saranno affidati i lavori di realizzazione, che dovranno essere ultimati entro 120 giorni. L’obiettivo dell’Amministrazione comunale sarà quello di poter consegnare l’opera completa e fruibile alla cittadinanza gaggese entro settembre”.

L’intervento finanziato dal Gal si inscrive all’interno di una idea progettuale più ampia per la realizzazione di un sistema integrato – sia per la popolazione locale che per i turisti – di riqualificazione, rivalorizzazione e riscoperta di sentieri naturali e di attività sportive in un’ottica di maggiore fruizione dei luoghi in tutta sicurezza. “Gli interventi prioritari del progetto finanziato dal Gal – afferma il presidente Piero Mangano – è, come detto, il ripristino di un’area che si presta naturalmente a opportunità di sviluppo turistico e non, legate allo sfruttamento ecosostenibile della risorsa naturale del fiume Alcantara, Valle Alcantara, Parco Fluviale dell’Alcantara, di cui il Comune di Gaggi è parte integrante. Gli obiettivi del progetto sono molteplici. Migliorare, in primis, i collegamenti tra centro abitato, periferie ed entroterra rurale; nel contempo definire e sostenere lo sviluppo, la valorizzazione e la promozione del territorio in una cornice turistica e sociale”.

© Riproduzione Riservata

Commenti