il pubblico del Teatro Antico prima della pandemia

TAORMINA – In attesa delle determinazioni su questa stagione, legate all’emergenza sanitaria, arrivano intanto importanti novità sugli spettacoli al Teatro Antico che da sempre rappresentano uno dei fattori maggiormente attrattivi a Taormina.

Aspettando la decisione definitiva legata a questa stagione, intanto la capienza massima del Teatro Antico per gli spettacoli si andrà in ogni caso riducendo e anche nel momento in cui si tornerà alla normalità e (si spera al più presto) non ci sarà più la pandemia, sta per essere formalizzata la modifica definitiva del numero di spettatori che potranno essere contenuti all’interno del sito archeologico in occasione di eventi, che non saranno più 4 mila e 500 ma poco meno di 3 mila e 700. Si perderanno, quindi, in ogni caso, circa 800 posti rispetto al passato per la necessità di adempiere al rispetto delle vigenti norme sulla sicurezza. Una limitazione che, indubbiamente, potrebbe poi avere riflessi importanti anche nelle valutazioni che faranno i vari organizzatori di eventi al Teatro che in precedenza potevano contare sull’opportunità del gran pienone e che, ora per la pandemia ma anche per il dopo, si vedranno ridurre il numero di posti disponibili per il pubblico.

Ad oggi sugli spettacoli si attende, invece, una decisione sul numero di posti che verranno resi disponibili dalle autorità per l’imminente periodo giugno-settembre. L’anno scorso, dopo tante estati in cui il Teatro veniva sempre gremito da quasi 5 mila spettatori a sera si è dovuti passare ad una presenza massima di soli mille persone per garantire il distanziamento ed il contrasto alla diffusione del virus.

Dal 15 maggio verranno avviati i montaggi degli allestimenti scenici e del palco al Teatro Antico, di cui come sempre di prenderà cura la Fondazione Taormina Arte, e poi si attenderà che il Governo e le autorità stabiliscano questa estate quante persone potranno assistere agli spettacoli all’aperto. L’aspettativa è che magari dai mille dell’estate 2020 si possa salire a 1.500 o 2 mila ma tutto dipenderà dall’evoluzione della pandemia, dai rischi legati a fattori come le varianti e dall’efficacia che avrà la campagna vaccinale.

© Riproduzione Riservata

Commenti