GIARDINI NAXOS – Le società sportive, gli enti locali ed il terzo settore a Giardini fanno rete e con una partnership apprezzabile e nell’interesse sociale della comunità naxiota hanno presentato un progetto a valere sul bando “Sport di tutti – Quartieri” predisposto da Sport e Salute S.p.A. per attivare presidi sportivi in aree urbane caratterizzate da fragilità socio-economica volti all’erogazione di corsi sportivi gratuiti per le fasce più deboli della popolazione. Il progetto in questione si chiama “Attiva Calcarone” e mira a creare un presidio sportivo negli spazi del centro parrocchiale Don Bosco sito in contrada Calcarone.

La partnership, che assume una importante valenza sociale per il territorio, è composta dalla Polisportiva P.O.R.TO. (Ente Capofila), dal Circolo Canoa Naxos, dall’A.S.C.D. Kalkis, dal Gruppo Sportivo SS. Maria Raccomandata, dalla Tropicana Dance Academy, dall’ASAMIR, dall’ASD Giardini Naxos, dall’Istituto del Divino Zelo, dal Consultorio Familiare “La Famiglia” e dal Comune di Giardini Naxos.

“Un progetto ambizioso che potrebbe contribuire alla crescita economica ed educativa del nostro quartiere – ha affermato il vicepresidente del Consiglio comunale di Giardini Naxos Giuseppe Leotta che ha curato la redazione del progetto ed il coordinamento tra i partner coinvolti – abbiamo chiesto 98.000 euro di finanziamento che, se accordati, serviranno ad erogare corsi sportivi gratuiti a diverse categorie quali disabili, bambini, over 65, donne, minori stranieri non accompagnati, a ristrutturare alcuni ambienti del centro parrocchiale e ad acquistare attrezzatura sportiva.

Giuseppe Leotta

“Tante le discipline coinvolte – ha proseguito Leotta – in particolare para-canoa, mini-basket, calcio, pallavolo, tai-chi, danza, hockey su prato, attività motoria ludico-ricreativa”. 

“Non ci resta che incrociare le dita e nel frattempo desidero ringraziare il nostro sindaco, Giorgio Stracuzzi, sempre disponibile e sensibile sulle tematiche sportive, il tecnico Salvatore Gualtieri che ha gratuitamente curato la redazione della sezione progettuale relativa alla riqualificazione della struttura, e tutti i partner coinvolti nella consapevolezza – ha concluso Leotta – che questa bella pagina di collaborazione, al di là dell’esito della valutazione progettuale, sia un punto di partenza e non di arrivo in un percorso di rilancio dell’intero movimento sportivo giardinese così pieno di potenzialità ancora inespresse”.

© Riproduzione Riservata

Commenti