GIARDINI NAXOS “Ho dovuto assumere una decisione inevitabile, in linea con quanto prevede la normativa vigente ma anche e soprattutto per tutelare la salute di tutti i nostri cittadini. Adesso bisogna fermare i contagi e mettere in sicurezza i nostri cittadini e la nostra comunità”. Così il sindaco Giorgio Stracuzzi annuncia l’avvenuta richiesta alle autorità sanitarie, all’Asp Messina, e alla Regione Siciliana di dichiarare la zona rossa per la Città di Giardini Naxos. Negli ultimi giorni la variante inglese ha spinto i contagi in paese a quota 40 e con altri casi che stanno per aggiungersi ad un report già preoccupante.

A malincuore, ma con la necessità ineludibile di fermare questa progressione dei contagi, il primo cittadino ha preso atto dei numeri e ha valutato la situazione con le autorità sanitarie. La soglia critica, il punto limite, che separava Giardini dalla zona rossa era ormai ad un passo e a quota 25 casi sarebbe scattata la prospettiva della zona rossa. Giardini era già a 24 casi in città il 3 aprile scorso.

Di fronte ai numeri odierni, il sindaco Stracuzzi non ha perso altro tempo, ha così preso l’unica decisione al momento possibile, senza esitare e con il necessario senso di responsabilità che occorre di fronte ad una situazione che si va aggravando, che si fa pesante non solo a Giardini ma in tutto il comprensorio. La decisione di andare in zona rossa appare per alcuni versi anche coraggiosa, perché Stracuzzi ha anteposto la tutela della salute collettiva ad ogni altro ragionamento o forma di attendismo, anche sapendo che forse questa rigorosa e immediata osservanza alle disposizioni del governo centrale, avrà ripercussioni sulla stagione turistica. Ma in questo momento non c’era alternativa e la priorità, la via maestra per provare ad allontanare l’incubo della pandemia, e’ quella di chiudere per impedire che il virus continui a circolare e causare ulteriori contagi sul territorio.

 

 

© Riproduzione Riservata

Commenti