GAGGI – Il Comune di Gaggi entra ufficialmente in zona rossa. La decisione è stata formalizzata dalla Regione Siciliana dopo l’aggravarsi dell’emergenza sanitaria che ha portato anche nelle ultime 24 ore al riscontro di altri 14 nuovi casi Covid.

“Cari concittadini – ha comunicato il sindaco Giuseppe Cundari agli abitanti di Gaggi -, come preannunciato, il presidente della Regione Siciliana, con ordinanza contingibile ed urgente n. 27 del 29 marzo 2021, ha istituito il Comune di Gaggi “zona rossa” nel periodo compreso tra le ore 00.01 del 31 marzo 2021 e le ore 24.00 del 14 aprile 2021. È un momento difficile per la nostra comunità, serve la collaborazione di tutti per contenere il preoccupante aumento dei contagi, che già stamani conta 36 concittadini positivi al COVID-19, ovvero un incremento di 14 casi in un giorno. L’adozione dell’Ordinanza contingibile ed urgente da parte del Presidente della Regione Siciliana si è resa necessaria per tutelare la salute pubblica di tutti ed evitare l’ulteriore diffusione del contagio sul territorio comunale”.

Nella zona rossa vige: A) Il divieto di accesso e di allontanamento dal territorio comunale, con mezzi pubblici e/o privati, da parte di ogni soggetto ivi presente, fatta eccezione per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e/o motivi di salute. È sempre consentito il transito, in ingresso ed in uscita, dal territorio comunale per il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza; dall’1 aprile 2021 fino al 6 aprile 2021 è vietato, in ingresso ed in uscita, il transito per raggiungere le c.d. seconde case (abitazioni non principali). È consentito il transito, in ingresso ed in uscita, dal territorio comunale per gli operatori sanitari e socio-sanitari, per il personale impegnato nell’assistenza alle attività inerenti l’emergenza, per l’ingresso e l’uscita di prodotti alimentari, sanitari e di beni e/o servizi essenziali, nonché raggiungere ulteriori territori non soggetti a restrizioni negli spostamenti o nei casi in cui gli spostamenti siano consentiti ai sensi delle vigenti disposizioni nazionali e regionali. Rimane, infine, consentito il transito, in entrata ed in uscita, per garantire le attività necessarie per la cura e l’allevamento degli animali, nonché per le attività imprenditoriali non differibili in quanto connesse al ciclo biologico di piante.
B) Il divieto di circolare, a piedi o con qualsiasi mezzo pubblico e/o privato, nel predetto territorio comunale ad eccezione di comprovate esigenze di lavoro, per l’acquisto di generi alimentari e beni di prima necessità, per ragioni di natura sanitaria, per stato di necessità imprevisto e non procrastinabile o per usufruire di servizi o attività non sospese.
C) La sospensione di tutte le attività didattiche e scolastiche, di ogni ordine e grado.
D) La sospensione di ogni attività degli uffici pubblici, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità.
E) La sospensione delle attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’allegato 23 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 2 marzo 2021, anche se esercitate nelle medie e grandi strutture di vendita (compresi i centri commerciali).
F) La chiusura dei centri commerciali e/o outlet ad eccezione delle attività commerciali al dettaglio di cui al superiore comma “e”, purché sia consentito l’accesso solamente alle predette attività.
G) Rimangono aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie secondo gli ordinari orari di lavoro.
H) Nelle giornate festive è vietato l’esercizio di ogni attività commerciale, ad eccezione di edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie. Rimane sempre consentita la vendita con consegna a domicilio dei prodotti alimentari e dei combustibili per uso domestico e per riscaldamento.
Nella zona rossa, inoltre, si applicano le disposizioni di cui al Capo V del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 2 marzo 2021 e sue modificazioni e/o integrazioni.

“A partire dalle ore 00.01 del 31 marzo 2021e sino alle ore 24.00 del 14 aprile 2021 – ha rimarcato il sindaco – saranno presidiati, a cura delle Forze di Polizia, le strade in entrata ed in uscita dal territorio comunale ed, inoltre, saranno attivati controlli sull’intero territorio comunale al fine di scongiurare che, per colpa di qualche irresponsabile, la situazione degeneri ancora di più. Invito tutti ad adottare comportamenti responsabili e ad attenervi scrupolosamente alle limitazioni imposte, oggi più di ieri, è necessaria la collaborazione da parte di tutti, quindi ognuno deve fare la sua parte per superare insieme questo grave momento”.

© Riproduzione Riservata

Commenti