l'area interessata dalle potature, prima e durante i lavori

GIARDINI NAXOS – L’Amministrazione di Giardini Naxos fa chiarezza sulla discussa questione delle potature effettuate sul territorio ed in particolare sulla polemica che ha interessato in questi giorni il trattamento degli alberi di Jacaranda. Una nota sulla vicenda, a chiarimento dei lavori effettuati dal Comune, è stata diffusa dall’assessore Giuseppe Cacciola.

“Prima di entrare nel merito della questione “potatura degli esemplari arborei Jacaranda”  – evidenzia Cacciola – intendo fare una premessa. Nei vari commenti che ho avuto modo di leggere sino ad oggi sui social network in merito agli interventi di potatura eseguiti sugli alberi di Jacaranda ho voluto cogliere solo lo stato d’animo, comprensibile e giustificato, perché ogni uno manifesta l’amore per il nostro paese. C’è chi è spaventato che il viale si presenterà spoglio agli inizi della stagione estiva, c’è chi “non essendo agronoma… così scrive in un articolo” è spaventata dal fatto che è stata danneggiata la pianta e ci invita a documentarci su questa tipologia di albero. Cogliendo la preoccupazione manifestata da quest’ultima non possiamo esimerci di fare alcune precisazioni: In tutto ciò che facciamo teniamo conto del fatto che quanto esiste nel nostro paese è un bene comune e come tale lo rispettiamo.

“Ci riteniamo persone responsabili senza mai lasciare spazio né all’improvvisazione né al menefreghismo. Questa pianta necessita di una potatura regolare, specialmente nei primi 10-15 anni di vita. Questo perché sono anni in cui si finalizza la corretta formazione di una sorta di scheletro che poi ne supporterà la crescita e la stabilità. Anche quando la pianta sarà adulta potrà essere potata, più o meno annualmente, per aiutare la fioritura e rimuovere i rami danneggiati (informazioni acquisite prima che si avviassero i lavori di potatura da un agronomo).

“La scelta di piantare l’albero di Jacaranda sul viale Dionisio non è stata felice per il semplice fatto che, considerata l’altezza a cui può arrivare (7-15 ml) e la chioma, ad un diametro di 5-9 ml., andava piantata nei parchi o nei viali che riescono a contenere tali dimensioni. Piantate al ciglio della strada necessita di un intervento costante per contenere la crescita, considerato che gli alberi di Jacaranda crescono molto velocemente. Precisiamo che, per il posto dove si trovano, bisogna tenere conto della sicurezza stradale e pedonale (informazioni acquisite prima che si avviassero i lavori di potatura da un agronomo). Una rapida crescita può sembrare un vantaggio, ma i rami che ne risultano hanno un legno morbido e facilmente danneggiato”.

“Se eseguito correttamente, il taglio dell’albero di jacaranda rafforza l’albero limitando la crescita a germogli laterali ben formati su un singolo tronco (informazioni acquisite prima che si avviassero i lavori di potatura da un agronomo). L’esatta potatura di un albero di jacaranda è quello di assottigliare la chioma, rimuovere tutti i rami che crescono a un angolo inferiore a 40 gradi rispetto al tronco. Questi rami non sono saldamente attaccati all’albero, è probabile che si rompano in una giornata ventosa (informazioni acquisite prima che si avviassero i lavori di potatura da un agronomo)“. 

il vicesindaco Giuseppe CacciolaIl momento migliore per potare gli alberi di jacaranda è in inverno prima che inizi una nuova crescita. L’albero fiorisce su un nuovo legno e il taglio nel tardo inverno stimola una nuova crescita vigorosa per il numero massimo e la dimensione dei fiori (informazioni acquisite prima che si avviassero i lavori di potatura da un agronomo)”.

“Riguardo a quanto scritto sugli alberi posti antistante l’hotel Villa Daphne che, a suo dire crescono a fatica, devo comunicarle che la potatura viene eseguita ogni anno dal titolare dell’hotel allo scopo di contenere la crescita smisurata, anzi, cogliamo l’occasione di ringraziarlo per il proprio contributo con i lavori di potatura eseguiti negli anni passati. Da ora in avanti non si consentirà che le potature degli alberi siano eseguiti da privati. A conclusione devo sottolineare che in questi giorni abbiamo ricevuto molti nostri concittadini che hanno manifestato la propria contrarietà sul tipo di intervento di potatura che stavamo praticando, inizialmente, sugli alberi di viale Dionisio e non perché non andava fatto ma perché quel viale sarebbe stato spoglio. Cogliendo lo stato d’animo e l’amore incondizionato verso il nostro paese non potevamo disattendere le loro preoccupazioni e siccome Giardini Naxos ci appartiene e il cittadino ha voce e valore, abbiamo chiesto all’agronomo se potevamo contenere la potatura senza danneggiare i rami e lasciare parte della chioma per dare un po’ di colore al viale. Dall’incontro abbiamo trovato la soluzione che potesse continuare ad aiutare la pianta nella crescita e i cittadini di godere del verde, e così stiamo operando”.

© Riproduzione Riservata

Commenti