lo chef stellato Pietro D'Agostino

TAORMINA – “L’Associazione Commercianti Taormina ritiene sia indispensabile vaccinare al più presto la popolazione del polo turistico di Taormina per salvare la stagione turistica 2021. Non c’è tempo da perdere, occorre trovare una soluzione immediata che consenta il reperimento dei vaccini nel più breve tempo possibile”. Lo afferma il presidente dell’Associazione Commercianti Taormina, lo chef stellato Pietro D’Agostino.

“Non possiamo perdere anche quest’altra stagione – evidenzia D’Agostino -, per questo appare strategico ed essenziale che si riescano a vaccinare al più presto i cittadini di Taormina, immunizzandoli dal Coronavirus al pari anche di quelli dei più vicini comuni di Giardini, Letojanni e Castelmola, mettendo in sicurezza in particolare tutti i lavoratori che operano nel settore del turismo che ancora adesso attendono con incertezza e con preoccupazione gli sviluppi della situazione”.

“Il turista ha voglia di ritornare a Taormina e molte altre persone vogliono scoprire il nostro territorio – aggiunge D’Agostino -. Stiamo già ricevendo delle prenotazioni a partire da maggio, ma poter avere una prospettiva che consenta di vaccinare le persone già nel periodo di marzo e aprile cambierebbe completamente lo scenario e ci consentirebbe di arrivare alla stagione con più fiducia e con la possibilità di recuperare almeno in parte una situazione che rischia di farsi davvero molto complicata. A fine stagione avremo anche il ritorno dei turisti americani, ma non possiamo aspettare che tutto il personale impiegato nel comparto del turismo, del commercio e della ristorazione, venga vaccinato tra un paio di mesi. Tra i tanti lavoratori stagionali la maggior parte sono persone giovani che ad oggi verrebbero vaccinate soltanto in autunno o comunque a stagione già terminata ed è una previsione alla quale ci opponiamo, evidenziando che il nostro è il primo polo turistico siciliano e c’è l’assoluta esigenza di un’accelerazione per vaccinare adesso le persone e salvare le attività in crisi”.

© Riproduzione Riservata

Commenti