Gerhard Schuler, presidente Albergatori Taormina

TAORMINA – “La Città di Taormina e tutto il comparto produttivo di questo territorio stanno andando incontro ad un’altra stagione che rischia di replicare la grave crisi del 2020 se non ci sarà un’accelerazione delle operazioni di vaccinazione”. Il monito arriva dal presidente dell’Associazione Albergatori Taormina, Gerardo Schuler, che sollecita una svolta immediata nelle operazioni di vaccinazione nella Perla dello Ionio per provare a salvare la stagione 2021.

L’analisi della situazione che arriva da Schuler lascia poco spazio alle interpretazioni e corrobora l’esigenza di una svolta immediata nella campagna vaccinale riguardante la capitale del turismo siciliano. “In questo momento c’è un equilibrio totale, e che evidentemente non è confortante, tra le cancellazioni in atto sulle prenotazioni per la primavera e qualche prenotazione, invece, sta arrivando per l’autunno – evidenzia Schuler -. Il senso di tutto è che o si accelera la vaccinazione e si fa una campagna di immunizzazione immediata di massa della popolazione del nostro territorio, e quindi di Taormina, ma anche di Giardini, Letojanni e Castelmola, oppure andremo incontro ad un’altra estate come quella passata. I numeri sono eloquenti: i voli offerti su marzo 2021 per l’aeroporto di Catania al momento sono più che dimezzati, il calo adesso è del 70% rispetto al 2019 e addirittura il dato è inferiore al 2020 quando si era già entrati in lockdown. Stesso discorso vale per aprile, quando l’offerta sempre su Catania segna ad oggi un calo del 30% rispetto al 2020 e del 40% rispetto al 2019. Ryanair ha cancellato diverse tratte per tutto il mese. A maggio l’offerta ad oggi scende del 15% (-30% rispetto al 2019) e le compagnie potrebbe applicare altri tagli”.

“Questo trend ci fa capire che o ci si affretta a vaccinare subito il nostro territorio e a renderlo destinazione sicura, con l’adeguata promozione che noi siamo in grado di fare, o non potremo salvare neanche il salvabile di una stagione che appare già compromessa. Tante aziende stanno soffrendo e non possiamo perdere anche il 2021”.

Schuler riferisce di frequenti contatti in atto con i principali tour operator: “Ci chiedono tutti com’è la situazione a Taormina. Tutti vogliono rassicurare la clientela ma noi abbiamo bisogno di potergli offrire un territorio dove la popolazione sia immunizzata in fretta. Altrimenti che garanzie potremo dare?”.

 

© Riproduzione Riservata

Commenti