NAPOLI (ITALPRESS) – La corsa europea del Napoli si ferma ai sedicesimi di finale di Europa League. Allo stadio Maradona gli azzurri superano il Granada 2-1 con reti di Zielinski e Fabian Ruiz, ma vengono eliminati in virtù dello 0-2 subito all’andata in Spagna. Gattuso rispolvera la difesa a tre guidata dal rientrante Koulibaly e in attacco si affida all’estro di Politano e Insigne con Zielinski a supporto. Ed è proprio il polacco, dopo soli 3′, a tagliare a fette la difesa spagnola accendendo le speranze dei partenopei: errore in impostazione di Eteki, l’ex Empoli corre verso la porta, si sposta il pallone sul sinistro e infila Rui Silva con una rasoiata. Il gol dell’1-0 non cambia il piano degli azzurri, che continuano ad aspettare il Granada per poi ripartire a tutto gas. Ma il Napoli concede troppo campo agli avversari e al 25′ arriva la doccia fredda: Foulquier dialoga con Kenedy e pennella un cross al centro per l’inserimento di testa di Montoro, che la piazza all’angolino sfruttando l’indecisione del duo Maksimovic-Rrahmani. A questo punto la squadra di Gattuso avrebbe bisogno di tre gol (senza subirne) per centrare la qualificazione agli ottavi. Ci prova da fermo Insigne, ma la punizione del capitano è neutralizzata al 36′ da un gran intervento a una mano di Rui Silva. Nella ripresa Gattuso torna al 4-3-3, inserendo Ghoulam per Maksimovic. La prima chance è per Elmas, che parte sul filo del fuorigioco ma a tu per tu con Rui Silva gli calcia addosso. La difesa spagnola scricchiola e al 59′ Insigne trova il varco giusto per Fabian Ruiz: stop e interno sinistro per il 2-1. Gattuso capta il momento e inserisce il rientrante Mertens per Elmas. Al 68′ arriva il primo spunto del belga, che stacca su cross di Di Lorenzo ma non inquadra la porta. Sei minuti dopo ci riprova Fabian Ruiz, ma lo spagnolo calcia alle stelle dal limite. Nel recupero il portiere spagnolo si supera ancora su un colpo di testa di Ghoulam da corner. Finisce senza ulteriori sussulti. I sogni europei del Napoli si infrangono troppo presto.
(ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti