il governatore Nello Musumeci

“Un mini-lockdown di due settimane? Non lo abbiamo ancora preso in considerazione: non ci sono i termini per affrontare il tema“. Così, invece, il presidente della Regione Siciliana ha risposto alla domanda sull’ipotesi di un mini-lockdown totale. “Non conosciamo ancora la linea del governo nazionale né le sue strategie di contrasto al Covid. Appena avremo il confronto saremo nelle condizioni di potere disegnare una nuova proposta, se questa sarà necessaria“. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci in una fase in cui le varianti Covid iniziano a preoccupare in tutta Italia e c’è chi chiede che si ritorni ad una fase di lockdown.

“Il contagio è altalenante, noi abbiamo il dovere di seguire il tasso e le perdite. Non siamo in una situazione di allarme per giustificare provvedimenti di zona rossa. La zona gialla deve essere un patrimonio di tutti e abbiamo il dovere di salvaguardarla. Magari col governo nazionale ci confronteremo su altre aperture, mi amareggia tantissimo che il mondo della cultura e dello spettacolo rimangano preclusi a ogni tipo di attività“, ha aggiunto Musumeci.

“Nei prossimi giorni avremo una conferenza Stato-Regione – ha reso noto il governatore -. La riconferma del ministro Speranza costituisce una buona opportunità per noi presidenti di Regione perché si spera in una continuità del metodo e della strategia, ma il governo non ha rivelato ancora la linea su cui intende muoversi“.

© Riproduzione Riservata

Commenti