TAORMINA – Scongiurata la sospensione del servizio scuolabus. La Giunta comunale ha deliberato nella giornata di ieri l’assegnazione al responsabile Area Servizi alla Persona di Palazzo dei Giurati, Giuseppe Cacopardo, la somma di 110 mila euro da destinare al trasporto pubblico scolastico per la scuola dell’infanzia e la scuola primaria del centro storico e delle frazioni, in anticipo sul secondo semestre del 2021. Si tratta, in sostanza, dell’atto che consentirà il pagamento di uno dei servizi affidati dal Comune ad Asm, e per i quali l’azienda attendeva dal Comune il relativo pagamento per iniziare a far fronte alle difficoltà economiche attuali. Si tratta di un servizio che viene effettuato con i bus di Asm e per questo anno scolastico riguarda 400 utenti delle scuole di Taormina e per il quale c’è la necessità di utilizzare ogni giorno cinque bus scuola ed attivare 12 corse in orari differenziati, antimeridiani e per il pomeriggio del rientro, anche in rispetto delle vigenti norme anti-Coronavirus.

“O il Comune ci dà un anticipo o non avremo più neanche la possibilità di dotare del necessario carburante i mezzi”, era stato il monito del liquidatore Antonio Fiumefreddo e ieri è arrivata così una prima risposta dalla Giunta del sindaco Mario Bolognari con apposita deliberazione. L’assegnazione al responsabile di Area, Cacopardo, della somma, che accoglie la proposta di delibera dell’assessore alla Pubblica Istruzione, Francesca Gullotta, consentirà ora, di conseguenza, la liquidazione delle 110 mila euro all’Asm per il servizio di scuolabus. L’Esecutivo ha inteso evidenziare “la necessità di non arrecare disagio agli utenti”, e da qui la decisione di “assegnare le risorse finanziate corrispondenti ai sei dodicesimi degli stanziamenti previsti nel bilancio 2021-2023 per fare fronte al servizio nel secondo semestre di questo anno scolastico 2020-2021”.

Rispettate, dunque, le previsioni e la “promessa” che era stata fatta dalla Giunta ai vertici di Asm su questa deliberazione, intanto, delle somme sul servizio di scuolabus, in attesa che si possano sbloccare ulteriori risorse attese dall’azienda municipalizzata. Per adesso si è evitata la sospensione del servizio di scuolabus, che incombeva ormai imminente e sarebbe forse scattata già da questa settimana, se non ci fosse stato questo impegno da parte dell’Amministrazione.

A questo punto già nelle prossime ore si attenderanno ulteriori mosse da parte dell’Amministrazione, perchè Asm si trova a dover affrontare altre incombenze economiche che rendono necessario un ulteriore impegno finanziario da parte della casa municipale. Si sta cercando di accelerare la definizione di tutti gli atti riguardanti la chiusura della partita infinita del cosiddetto “dare-avere”, l’intricata vicenda cioè del pagamento dei servizi resi dall’azienda al Comune partire dal 2011 sino al 31 dicembre 2020.

© Riproduzione Riservata

Commenti