Carmelo Leonardi

TAORMINA – “La strada alternativa alla Via Francavilla che si prevede nell’ambito dei lavori di Rfi sarà una pista provvisoria. Bisogna avere il coraggio di dirlo ed essere trasparenti con i cittadini. Non si facciano promesse che non potranno essere mantenute”.

Il monito arriva dal prof. Carmelo Leonardi, presidente del Comitato dei cittadini di Bruderi (frazione sita proprio in prossimità di Trappitello), Leonardi così sollecita chiarezza sulle opere che interesseranno Trappitello, dove in vista della realizzazione della nuova stazione ferroviaria si prospetta la messa in opera di una strada “salva-traffico”. Si parla cioè della strada che dovrebbe essere approntata per non gravare la Via Francavilla (la SS185) del passaggio di circa 300 mezzi pesanti al giorno per i lavori di Rfi: un carico che sarebbe insostenibile per questa arteria e che rende necessaria la presenza di un tracciato alternativo. In questa direzione si sta muovendo il Comune con Rfi e il dibattito aperto sulla questione riguarda le caratteristiche che avrà questa strada: sarà un passaggio provvisorio o rimarrà poi stabilmente anche in futuro?

“Abbiamo appreso di recente – evidenzia Leonardi – che il sindaco ha parlato di una pista provvisoria e il vicesindaco che ha poi assicurato, invece, che quella strada rimarrà anche in seguito. Delle due versioni, riteniamo che quella veritiera sia quella annunciata dal sindaco. Si parla, d’altronde, di una strada che costeggia un torrente (il Santa Venera) e sottoposto ad un vincolo demaniale. E’ chiaro che si dovranno creare i presupposti per non gravare di ulteriore pressione pressione veicolare la Via Francavilla, che è già una strada intasata, così come bisognerà far svolgere regolarmente i lavori di Rfi, che riguardano un’opera importante. Ma in ogni caso, è molto difficile che quella strada possa restare in via definitiva, ed è presumibile che sarà una pista provvisoria che ricade su una parte demaniale e sarà fruibile soltanto nel periodo di svolgimento del cantiere delle Ferrovie dello Stato”.

Leonardi invita la casa municipale “a non illudere nessuno” sulle prospettive della cosiddetta “circonvallazione” di Trappitello. “Il momento è difficile – aggiunge l’ex consigliere comunale – e nelle frazioni lo vediamo anche quando a Bruderi per riparare una perdita di acqua trascorrono cinque mesi. Sappiamo che il Comune deve gestire una fase critica ed emergenziale ma chiediamo, soltanto, che si abbia l’umiltà e il buon senso di essere sinceri, senza fare proclami e annunci di cose che poi non potranno essere rispettate. Nessuno vuole fare inutili polemiche, la gente sa essere comprensiva, ma non vuole essere presa in giro”.

© Riproduzione Riservata

Commenti