GIARDINI NAXOS – Il Comune di Giardini Naxos ha aderito al bando per il progetto ministeriale “Sport nei parchi”. E’ stata approvata la previsione di un apposito piano di riqualificazione di un’area verde attrezzata da destinare ad “Urban sport activity e week-end”.

La città naxiota intende partecipare alla linea di intervento dell’avviso pubblico di adesione al progetto “Sport nei parchi” con un progetto che guarda all’utilizzo dell’area portuale di Schisò, di fronte alla statua Nike. Si intende realizzare un ampio spazio all’aperto per la pratica dello sport lungo una superficie complessiva, in via Calcide Eubea (Schisò), di 327 mq antistante il Parco archeologico di Naxos, di cui 175 mq di area già attrezzata con un circuito a corpo libero, con la possibilità di almeno 10 utilizzatori/fruitori in contemporanea.

Viene prevista una superficie di mq 15 dove verrà realizzata un’area fitness polivalente, per allenamento isotonico, cardio con la collocazione di 6 macchine di cui una da far utilizzare soltanto a persone diversamente abili.

L’iniziativa è stata proposta e viene portata avanti dal vicepresidente del Consiglio comunale, Giuseppe Leotta, d’intesa con il sindaco Giorgio Stracuzzi. L’obiettivo dell’intervento è quello di incentivare la pratica dell’attività sportiva, riconoscendo in questo progetto la valenza della pratica dello sport all’aperto e i benefici che questa attività può determinare per la salute psico-fisica dell’individuo ed anche in termini di inclusione sociale delle persone. Si potrà, in tal modo, anche offrire la possibilità di ulteriori servizi in un’area di pregio paesaggistico e storico immersa nel cuore della comunità di Giardini Naxos.

Si punta, in sostanza, sulla peculiarità di un’area pianeggiante prospiciente il mare e che rispetta anche le essenziali caratteristiche di accessibilità per tutti, con l’abbattimento delle barriere architettoniche e la necessaria compatibilità a livello urbanistico ed ambientale con le caratteristiche dell’avviso ministeriale in oggetto. Il progetto tecnico richiede un impegno di 10 mila euro. L’intervento verrà cofinanziato tra Sport e Salute e il Comune si è impegnato, in tal senso, a garantire la quota pari a 5 mila euro.

© Riproduzione Riservata

Commenti