ROMA (ITALPRESS) – “Il problema, non è il nome della persona. E io l’ho anche detto a questa persona. II punto e’ che cosa vuole fare e con chi”. Lo dice, in un’intervista al Corriere della Sera il lader della Lega Matteo Salvini, che poi ricorda l’articolo 1 della Costituzione: “L’Italia e’ una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranita’ appartiene al popolo”. “Noi – sottolinea – abbiamo cinque priorita’. E su queste decideremo. Il punto non e’ il nome della persona. E’ lui che ci deve dire che cosa intende fare. Per noi, si possono approvare rapidamente i decreti su queste priorita’, e poi andare al voto a maggio o giugno. Entro l’11 aprile si puo’ concludere il lavoro di approvazione delle misure urgenti per il Paese”. Per prima cosa “un impegno a non aumentare in alcun modo le tasse. No alla patrimoniale, no agli aumenti dell’Imu. Chiunque voglia governare con la Lega, si chiami Draghi, Cartabia o Cottarelli, deve saperlo. E flat tax al 15 per cento e pace fiscale sulle cartelle esattoriali”.
(ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti