la Circonvallazione di Taormina

TAORMINA – L’opposizione chiede all’Amministrazione Bolognari di fare un passo indietro sulla nuova viabilità che dovrebbe scattare nei prossimi giorni. Per questo è stato presentato dai consiglieri Antonio D’Aveni, Salvo Cilona, Claudio Giardina, Pina Raneri e Alessandra Cullurà un ordine del giorno urgente avente ad oggetto, e quindi come conseguente richiesta, la “sospensione della ipotesi di viabilità con senso unico a salire sulla Circonvallazione di Taormina”. I consiglieri di opposizione sollecitano i vertici di Palazzo dei Giurati “sospendere l’esecuzione del progetto di viabilità con il senso unico a salire nella circonvallazione ed un tavolo di concertazione con il sindaco metropolitano e i sindaci dei paesi confinanti e con rappresentanze dei cittadini e attività produttive al fine di predisporre un’ipotesi più sostenibile”.

La minoranza richiama, nell’odg, tra le motivazioni di questa richiesta “le tantissime lamentele dei residenti e le varie petizioni che si stanno avviando sull’argomento”: “Inoltre il senso unico a salire porterebbe gravi disagi ai cittadini che si troverebbero a percorrere obbligatoriamente la circonvallazione con l’inevitabile appesantimento veicolare in zona porta Catania e zona Porta Pasquale”.

Secondo i consiglieri dell’opposizione “il senso unico a salire porterebbe un aggravio economico ai cittadini che si troverebbero a percorrere spesso un tragitto maggiore rispetto alla reale necessità”. Infine si evidenzia che “la circonvallazione è strada provinciale e non può essere modificata la percorrenza da una scelta unilaterale dell’amministrazione di Taormina, ma concordata con la Città Metropolitana e quindi con i sindaci del comprensorio”.

La richiesta di stop al senso unico sulla circonvallazione fa seguito ai malumori che questa iniziativa, in sostanza, sta determinando. Tra l’altro sulla questione rimane in pressing sull’Amministrazione taorminese il sindaco di Castelmola, Orlando Russo, che si è detto pronto anche a replicare il ricorso al Tar di Catania, a suo tempo, fatto alla precedente Amministrazione quando era sindaco di Taormina Eligio Giardina e il borgo turistico riuscì ad ottenere la sospensione di un’ordinanza che intendeva rimodulare il transito sempre sulla Circonvallazione, anche se in quel caso il nodo del contendere era il transito dei bus turistici. Ad ogni modo il primo cittadino di Castelmola ha chiesto un confronto in questa settimana per chiarire la situazione e cercare di trovare un eventuale punto di intesa. E adesso hanno espresso la propria contrarietà al senso unico sulla circonvallazione i rappresentanti dell’opposizione taorminese. Stando a quanto si prospetta, ricordiamo, scatterebbe il transito sulla circonvallazione soltanto in direzione valle-monte, e non ci sarebbe più l’attuale possibilità di percorrere invece in entrambi i sensi quest’arteria strategica.

© Riproduzione Riservata

Commenti